Bollo auto e legge 104, ci saranno modifiche nella legge di bilancio 2019? Tutte le novità

-
22/09/2018

Con la legge 104 il disabile può fruire dell’esenzione bollo auto, dell’Iva agevolata del 4% per l’acquisto auto, e non solo, vediamo tutte le novità

Bollo auto e legge 104, ci saranno modifiche nella legge di bilancio 2019? Tutte le novità

Bollo auto e legge 104: Molti automobilisti, in questi giorni, si stanno chiedendo se la legge di bilancio 2019 cambierà qualcosa per il bollo auto. Non è previsto niente di molto eclatante al riguardo del bollo auto. Ma è sempre bene informarsi sulle varie agevolazioni e detrazioni  sul bollo auto anche perché c’è il rischio che molte agevolazioni vengono tagliate. Tuttavia, per le persone portatrici di handicap ci saranno poche modifiche.

Precisiamo che un disabile per poter fruire dell’agevolazione dell’acquisto auto con l’esenzione del pagamento IPT, il verbale legge 104 deve riportare la dicitura “l’interessato possiede i requisiti tra quelli dell’art. 4 DL 9 febbraio 2012 n. 5“.

Importante capire quando un disabile può acquistare un auto con l’agevolazione con legge 104.

Legge 104: bollo auto e acquisto auto

I disabili che hanno dichiarato il proprio handicap sono esenti da pagamento del bollo auto.

Se il portatore di disabilità vuole cambiare automobile può farlo usufruendo di una esenzione molto vantaggiosa che consiste nell’esenzione del pagamento IPT e del diritto all’Iva al 4%. Ovviamente questo diritto è applicabile solo se l’interessato possiede i requisiti richiesti dallo Stato.

L’agevolazione IVA al 4% spetta al disabile con handicap grave con legge 104 art. 3 comma 3, oppure al familiare che ha in carico il disabile.


Leggi anche: Censis, il rapporto del 2020 su consumi, ricchezza, società e sussidi di welfare: l’effetto del coronavirus

L’acquisto con questo tipo di esenzione è valido soltanto con automobili con cilindrata che non superi i 2000 centimetri cubici per quanto riguarda i motori a benzina e i 2800 per i motori diesel. Questo vale per

L’Iva ridotta al 4% è applicabile anche per l’acquisto contestuale di optional, per le cessioni di strumenti e accessori utilizzati per l’adattamento e inoltre l’aliquota agevolata del 4% viene anche applicata per le riparazioni degli adattamenti.

L’aliquota agevolata si applica solo per gli acquisti effettuati direttamente dal disabile o dal familiare di cui egli è fiscalmente a carico.

agevolazioni-auto legge 104

Acquisto auto con IVA agevolata al 4% una sola volta in quattro anni

Anche se non ci sono limiti di valore per l’acquisto di un’autovettura per un disabile, ma l’Iva ridotta al 4% ci si può fruire solo ogni 4 anni. Entro questo periodo è possibile ottenere di nuovo la detrazione solo se il veicolo posseduto è stato cancellato dal PRA, quindi demolito. Se invece il veicolo è stato cancellato dal PRA perchè trasferito all’estero, il disabile non può ottenere di nuovo l’agevolazione.

Un altro caso in cui il disabile può richiedere di nuovo l’agevolazione dell’Iva al 4% è quando ha subito il furto del veicolo e non ritrovato, in questa occasione bisogna presentare alla concessionaria la denuncia di furto e la perdita di possesso effettuata dal PRA.

Quando si perde l’agevolazione?

In occasione il veicolo viene ceduto prima dei due anni di acquisto, va versata la differenza fra l’imposta dovuta in assenza di agevolazioni, quindi il 22%, e quella risultante dall’applicazione delle agevolazioni stesse, il 4%. Se il disabile ha invece l’esigenza di dover cambiare veicolo in seguito a diverse necessita legate al suo handicap, l’agevolazione non si perde.

A chi non è applicabile l’agevolazione al 4% dell’Iva

L’agevolazione però non si può applicare agli autoveicoli intestati a società commerciali, cooperative, o semplicemente ad enti sia pubblici che privati, anche se questi sono specifici per il trasporto dei disabili.


Potrebbe interessarti: Pensioni e legge di bilancio 2021, riparte l’indennizzo ai commercianti

Acquisto auto con legge 104, qual è la detrazione spettante?