Bonus bollette energia elettrica con legge 104: a chi spetta e come richiederlo

Bonus elettrico legge 104 può essere richiesto da chi ha gravi patologie e necessita di apparecchiature elettromedicali per il mantenimento in vita. Ecco come presentare la domanda

I titolari di legge 104 hanno diritto al Bonus bollette energie elettrica. Questa in realtà non è presente tra le agevolazioni della legge 104, infatti a stabilirne i requisiti e chi ne ha diritto è l’Autorità per l’energia (Arera).

Il Bonus elettrico spetta, quindi, ai soggetti disabili che necessitano di apparecchiature elettromedicali  per il mantenimento in vita.

Vediamo in dettaglio in cosa consiste il bonus elettrico, chi ne ha diritto e come è possibile richiederlo.

Legge 104, bonus bollette energia elettrica: cos’è

Oltre a tutte le agevolazioni previste dalla legge 104, l’Autorità per l’energia concede un bonus energia elettrica ai nuclei familiari in cui è presente un malato con  grave disabilità, costretto ad usare macchinari elettromedicali indispensabili per la vita.

Legge 104, bonus bollette energia elettrica: chi ne ha diritto

IL bonus energia elettrica spetta alle famiglie in cui è presente un malato con grave disabilità, costretto ad utilizzare apparecchi elettromedicali necessari al mantenimento in vita.

Per richiedere il bonus energia elettrica all’Autorità per l’energia, in questo caso non è necessario presentare il modello Isee, in quanto viene concesso indipendentemente dalla situazione reddituale, cosa diversa per richiedere il bonus elettrico per chi ha un disagio economico.

Legge 104, bonus elettrico: per quali macchinari viene riconosciuto

Il Decreto del Ministero della salute del 13 gennaio 2011 elenca tutte le apparecchiature legate a tipologie di disagio fisico per cui viene erogato il bonus, tra cui elenchiamo:

  • Apparecchiature di supporto alla funzione cardio-respiratoria (ventilatori polmonari, polmoni d’acciaio, concentratori di ossigeno, ecc);
  • Apparecchiature di supporto alla funzione renale (apparecchiature per dialisi, emodialisi;
  • Apparecchiature di supporto alla funzione alimentare e attività di somministrazione (pompe d’infusione, nutripompe);
  • Mezzi di trasporto e ausili per il sollevamento disabili (carrozzine elettriche, sollevatori mobili, sollevamenti fissi);
  • Dispositivi per la prevenzione e la terapia di piaghe da decubito (tra cui materassi antidecubito, ecc)

Scarica qui l’elenco apparecchiature

Legge 104, bonus bollette energia elettrica: come richiederlo

Per poter richiedere il bonus bisogna presentare al Comune di residenza del titolare della fornitura elettrica il modulo designato o presso un altro ente indicato dal Comune (CAF, Comunità montane).

I documenti necessari per la presentazione della domanda sono:

  • un certificato ASL che attesti:
    • la situazione di grave condizione di salute;
    • la necessità di utilizzare le apparecchiature elettromedicali per supporto vitale;
    • il tipo di apparecchiatura utilizzata e le ore di utilizzo giornaliero;
    • l’indirizzo presso il quale l’apparecchiatura è installata;
  • il documento di identità e il codice fiscale del richiedente e del malato se diverso dal richiedente;
  • il modulo in allegato in pdf (chiamato modulo B) compilato;

Scarica qui il modulo_B  per chiedere il Bonus elettrico

Bisogna anche avere a disposizione alcune informazioni reperibili dalla bolletta o dal contratto di fornitura:

  • codice POD (identificativo del punto di consegna dell’energia). Il codice POD, è un codice formato da numeri e lettere, che identifica in modo certo il punto fisico in cui l’energia viene consegnata dal fornitore e prelevata dal cliente finale. Il codice è sempre uguale anche se cambia il fornitore;
  • la potenza impegnata o disponibile della fornitura.

Legge 104, bonus bollette: cumulo tra disagio fisico e disagio economico

Il bonus elettrico per disagio fisico è cumulabile con il bonus elettrico disagio economico. In questo caso oltre ai requisiti suddetti bisogna che il reddito Isee rientri nella fascia di limite richiesta.

I requisiti necessari per ottenere il bonus elettrico per disagio economico sono i seguenti:

  • il reddito Isee non deve superare la soglia limite stabilita a 8.107,5 euro;
  • un nucleo famigliare con più di 3 figli a carico l’ISEE non deve superare i 20.000 euro;

Questi stessi requisiti sono necessari anche per richiedere il bonus gas.

La domanda va presentata, anche in questo caso, presso il Comune di residenza o presso un altro ente designato dal Comune utilizzando i moduli preposti.

Per far domanda del bonus elettrico per disagio economico non è necessario presentare il certificato dell’Asl, ma solo il modulo A compilato in ogni sua parte.

Scarica qui il modulo_A

È necessario avere, anche in questo caso, a disposizione le informazioni reperibili in bolletta o nel contratto di fornitura, ovvero del codice Pod e la potenza della fornitura, mentre se si fa richiesta del bonus gas si necessita della conoscenza del codice PDR.

Bonus pavimenti 2019: quando è possibile richiederlo? Ecco tutte le novità

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.