Congedo biennale retribuito con legge 104: chiarimenti sul requisito di convivenza

-
05/08/2019

Congedo straordinario biennale con legge 104 per assistere il familiare disabile, chiarimenti sul requisito di convivenza con il disabile.

Congedo biennale retribuito con legge 104: chiarimenti sul requisito di convivenza

I dipendenti del settore privato o pubblico possono fruire del congedo straordinario legge 151 di due anni per assistere il familiare con legge 104 art. 3 comma 3. Il congedo è retribuito e coperto da contribuzione figurativa. Tanti i dubbi su questa misura e i vincoli per poter aderire. Molte difficoltà sono state rilevate dal requisito di convivenza, un lettore ci pone la seguente domanda:  

Salve, io sono sposato e ho la 104 come assisto mia moglie con grave handicap, abitiamo assieme ma io ho la vecchia residenza in un altro indirizzo anche se per l’INPS il reperimento malattia x lavoro e nella nuova. Posso prendere il Congedo biennale per 104? O serve proprio la residenza? 

Congedo straordinario con legge 104: la convivenza è vincolante

L’obbligo di convivenza con il familiare in situazione di handicap greve in base alla legge 104 art. 3 comma 3, è vincolante. Può essere soddisfatto anche con la coabitazione o con la dimora temporanea.

Nel suo caso se vuole fruire del congedo straordinario legge 151 di due anni retribuiti, deve cambiare la residenza presso sua moglie, o viceversa.

Leggi anche: La documentazione al datore di lavoro per la dimora temporanea


Leggi anche: Censis, il rapporto del 2020 su consumi, ricchezza, società e sussidi di welfare: l’effetto del coronavirus