Congedo di 2 anni per la suocera: quando è possibile?

-
08/01/2020

Congedo straordinario retribuito di 2 anni per assistere il familiare con grave disabilità: in quali casi può essere fruito per la suocera?

Congedo di 2 anni per la suocera: quando è possibile?

Il congedo straordinario retribuito regolato dalla legge 151 del 2001, consente ai lavoratori dipendenti di assistere, per 2 anni, un familiare con grave disabilità in base alla legge 104, articolo 3, comma 3. Il diritto al congedo straordinario retribuito, comunque, segue un ordine familiare vincolante e non scalabile se non in determinati casi

Congedo straordinario retribuito

Un nostro lettore ci scrive:

Buonasera, volevo sapere se in qualità di caregiver di mia suocera, la quale fa parte del nostro nucleo familiare, posso richiedere il congedo straordinario. Usufruisco,già dei permessi legge 104.
Grazie.

Come abbiamo anticipato in apertura, il congedo straordinario retribuito viene concesso in base alla titolarità del diritto stabilito dall’ordine di priorità vincolante che stabilisce che il beneficio spetti nell’ordine a:

  1. il coniuge convivente
  2. il padre o la madre anche non convivente
  3. uno dei figli conviventi della persona
  4. uno dei fratelli o sorelle conviventi della persona disabile
  5. un parente/affine entro il terzo grado convivente della persona disabile

Anche se sua suocera convive con voi, il diritto alla titolarità del congedo straordinario retribuito spetta a sua moglie, figlia convivente del disabile. Il diritto, infatti, scala solo nel caso in cui il titolare sia mancante, deceduto o a sua volta affetto da patologia invalidante.

Il godere dei permessi legge 104 mensili, infatti, non è vincolante per il diritto alla fruizione del congedo straordinario. I due istituti, infatti, sono regolamentati da due leggi differenti: i permessi mensili dalla lege 104/1992, il congedo straordinario dalla legge 151/2001. Questo, per spiegarle che non perchè fruisce dei permessi mensili legge 104, possa fruire di diritto del congedo straordinario retribuito. Mentre i i permessi legge 104 non sono vincolati dall’ordine di priorità familiare, il congedo straordinario si.

Per questo motivo, il diritto spetta alla figlia convivente della disabile e tale diritto non può essere ceduto. Il diritto spetterebbe a lei solo nel caso sua suocera fosse vedova, non avesse figli in vita (o fossero affetti da patologia invalidante), non avesse fratelli e sorelle convivneti e non affetti da patologie invalidanti.