Congedo per cure di 30 giorni all’anno, si considera l’anno solare o scolastico?

-
23/08/2019

Congedo per cure di 30 giorni in un anno, anche frazionabile, ci si chiede come viene considerato l’anno nel comparto scuola.

Congedo per cure di 30 giorni all’anno, si considera l’anno solare o scolastico?

Congedo per cure di 30 giorni in un anno, anche frazionabile, ci si chiede come viene considerato l’anno nel comparto scuola. Ecco due domande pervenute: 1) Utilissima dottoressa e molto chiara. La disturbo ancora vista la sua gentilezza e disponibilità per un ultimo quesito: ” i 30 giorni devono riferirsi ad anno solare o scolastico? Più precisamente posso chiederne 30 entro dicembre 2019 e successivi 30 nel 2020? O soltanto 30 nell’anno scolastico 2019/2020? Grazie

2) Buongiorno, il mio quesito è: per gli insegnanti il congedo di 30 giorni per cure invalidi si intende come fruibile nell’anno scolastico, cioè a partire dal primo di settembre, oppure  va riferito all’anno solare?  Grazie del chiarimento. 

Congedo per cure: la normativa non prevede distinzioni

La normativa che regola la misura è l’ art. 7 del Decreto Legislativo 18 Luglio 2011, n. 119, e prevede “Salvo quanto previsto dall’articolo 3, comma 42, della legge 24 dicembre 1993, n. 537, e successive modificazioni, ai lavoratori mutilati e invalidi civili cui sia stata riconosciuta una riduzione della capacità lavorativa superiore al cinquanta per cento possono fruire ogni anno, anche in maniera frazionata, di un congedo per cure per un periodo non superiore a trenta giorni”.

In riferimento al comparto scuola non risultano disposizioni differenti. Riassumendo la normativa considera come periodo l’anno in sé e non l’anno scolastico.


Leggi anche: Whatsapp dal 2021 smetterà di funzionare su questi cellulari

Ricordiamo che questo tipo di congedo può essere richiesto per cicli di cure, come ad esempio: cicli di terapie di fisioterapie, oncologiche, ecc. È possibile trovare tutte le informazioni sul congedo per cure in quest’articolo: Congedo per cure retribuito di 30 giorni, ecco chi può farne richiesta