Congedo straordinario con legge 104: come fare domanda

-
21/08/2019

Congedo straordinario legge 151 per assistere il familiare con handicap grave ai sensi della legge 104 art. 3 comma 3: ecco come fare domanda.

Congedo straordinario con legge 104: come fare domanda

Congedo straordinario legge 151 per assistere il familiare con handicap grave ai sensi della legge 104 art.3 comma 3, un lettore ci pone la seguente domanda: Salve, mio marito ha un tumore e a breve dovrà essere operato, ha la 104 e io sono una dipendente del settore privato per la stessa ditta da circa 12 anni, volevo sapere se posso chiedere il congedo parentale solo per un breve periodo tipo solo un mese, e volevo sapere come devo fare per fare domanda, grazie

Come fare domanda di congedo straordinario con legge 104

Può fare domanda di congedo straordinario di due anni retribuiti, coperti da contribuzione figurativa, se il familiare d’assistere si trova in situazione di disabilità ai sensi della legge 104 art. 3 comma 3. Il familiare non deve essere ricoverato a tempo pieno presso strutture ospedaliere o simili, pubbliche o private, che assicurano un’assistenza continuativa. (circolare Inps n. 32 del 6 marzo 2012).

Per tutte le informazioni sul congedo straordinario legge 151 per assistere il familiare con legge 104 art. 3 comma 3, sono inserite in questa guida: Assistere un familiare con legge 104 con il congedo di due anni retribuito

Documenti da allegare alla domanda

La domanda va presentata online tramite il portale INPS, in alternativa è possibile fare domanda tramite il patronato o intermediari abilitati. Ricordiamo che vige l’obbligo di residenza con il familiare d’assistere e il diritto di priorità.


Leggi anche: Whatsapp dal 2021 smetterà di funzionare su questi cellulari

Nella domanda del congedo straordinario legge 151 per assistere il familiare con handicap grave, deve essere allegato il verbale rilasciato dalla competente Commissione ASL/INPS integrata ex art. 4 legge 104/92 (anche in copia dichiarata autentica); certificato attestante la residenza con il familiare d’assistere (anche atto notorio).