Congedo straordinario legge 151 per la suocera, ecco quando è possibile fare domanda

-
04/10/2019

Congedo straordinario legge 151 di due anni per il familiare con legge 104, è possibile fare domanda anche per la suocera convivente?

Congedo straordinario legge 151 per la suocera, ecco quando è possibile fare domanda

Il congedo straordinario legge 151 ha delle regole ben precise, oltre al requisito di convivenza con il familiare con invalidità certificata ai sensi della legge 104 art. 3 comma 3, prevede anche un ordine di priorità degli aventi diritto. Una lettrice ci chiede: Buonasera, vorrei sapere se mi spetta il congedo straordinario legge 151. Io assisto mia suocera con legge 104 art. 3 comma 3, che convive con noi da molti anni, mio marito non può assisterla, posso chiedere io il congedo, grazie 

Congedo straordinario con legge 104: ordine di priorità

La normativa precisa che possono fare domanda di congedo straordinario con legge 151 i lavoratori che assistono i familiari secondo il seguente ordine di priorità:

  • coniuge convivente con la persona con disabilità grave e componenti dell’unione civile conviventi equiparati al coniuge dalla Legge 20 maggio 2016, n. 76 (detta legge Cirinnà);
  • in caso di mancanza, decesso o patologie invalidanti, subentrano i genitori anche adottivi;
  • in caso di mancanza, decesso o patologie invalidanti, subentrano i figli conviventi anche se conviventi solo successivamente alla richiesta del beneficio;
  • in caso di mancanza, decesso o patologie invalidanti, subentrano i fratelli conviventi;
    in ultimo, il parente o l’affine entro il terzo grado convivente in caso di mancanza, decesso o patologie invalidanti degli altri soggetti individuati dalla norma, a prendersi cura della persona in situazione di disabilità grave.

Cosa significa “mancanza”

La definizione di mancanza, si intende “non solo la situazione di assenza naturale e giuridica, ma deve ricomprendere anche ogni altra condizione ad essa giuridicamente assimilabile, continuativa e debitamente certificata dall’autorità giudiziaria o da altra pubblica autorità, quale: divorzio, separazione legale o abbandono, risultanti da documentazione dell’autorità giudiziaria o di altra pubblica autorità”

La normativa non prevede eccezioni e il congedo straordinario viene concesso solo quando il parente avente diritto, secondo l’ordine di priorità, è mancante o affetto da patologie invalidanti certificate.

Congedo straordinario con legge 104: modulo e istruzioni atto notorio da allegare alla domanda