Congedo straordinario retribuito legge 104, per la suocera quando è possibile?

-
24/11/2019

Quando è possibile fruire del congedo straordinario retribuito per la suocera? Vediamo i casi.

Congedo straordinario retribuito legge 104, per la suocera quando è possibile?

Il congedo straordinario retribuito che permette al lavoratore dipendente di assentarsi per un massimo di 2 anni dal lavoro per assistere un familiare con handicap grave in base alla legge 104, articolo 3, comma 3, per essere concesso segue un preciso e vincolante ordine familiare che scala solo in caso di mancanza, decesso o patologia invalidante del titolare del diritto. Vediamo nel dettaglio quando la nuora può fruirne per assistere la suocera.

Congedo straordinario retribuito per la suocera

Una nostra lettrice ci chiede:

Buona sera

Sono sposata e con me vive mia suocera che non cammina più,  sono ormai 2 anni, e sulla sedia a rotelle. 
Sono riuscita ad avere la 104 in quanto mio marito e figlio unico  e lavora fuori Modena 5 giorni a settimana,  parte il lunedì e torna il venerdì. 
Qualche mese fa mia suocera e peggiorata , la demenza avanzata, porta pannolone h24, la dobbiamo imboccare  e non riesce a state dritta sulla sedia …..
5 mesi fa ha iniziato con le piaghe  e mi hanno portato il materasso antidecubito e letto. Adesso fa fatica a mangiare e ingoiare.
Sono andata a chiedere il congedo straordinario, e mi è stato rifiutato in quanto  mia suocera ha un figlio, che e mio marito  e deve prenderlo lui il congedo.


Leggi anche: Pace fiscale 2021, il governo punta al decreto Sostegno: dalla proroga della rottamazione ter al saldo e stralcio, fino alla cancellazione dei debiti da 5mila euro

Mio marito non può permettersi di stare a casa in quanto è libero professionista e non ha una busta paga,  il lavoro se lo va a cercare e se sta a casa non guadagna!!!
La mia domanda è:
Se mi hanno concesso la 104, perché sono io che la accudisco , la porto  a fare le visite ecc. Perché non mi è concesso il congedo straordinario?
Mia suocera non ha più nessun familiare oltre me è mio marito  che e il figlio ma che e via 5giorni  a settimana. 
Grazie .
 
Come abbiamo anticipato sopra la titolarità del congedo straordinario retribuito segue un ordina familiare vincolante: se il titolare del diritto non può fruirne, purtroppo, il diritto non scala al familiare successivo.
Nell’ordine possono fruire del congedo straordinario i seguenti familiari:

  1. il coniuge convivente
  2. il padre o la madre anche non convivente
  3. uno dei figli conviventi della persona
  4. uno dei fratelli o sorelle conviventi della persona disabile
  5. un parente/affine entro il terzo grado convivente della persona disabile

Alla nuora spetta la titolarità del congedo straordinario retribuito solo nel caso che la suocera sia vedova, che non abbia fratelli in vita e che i figli siano deceduti o a loro volta affetti da patologie invalidanti. 

Il titolare del diritto alla fruizione del congedo straordinario è, quindi, suo marito indipendentemente dal lavoro che svolge. Purtroppo la legge non tiene conto del fatto che fruendo del congedo ed essendo autonomo non avrebbe diritto all’indennità.

Non può fruire del congedo straordinario ma dei permessi legge 104 perchè i due istituti, diversi tra loro, sono regolati da una normativa diversa: i permessi mensili, che non tengono conto della priorità familiare sono regolati dalla legge 104/1992, il congedo straordinario dalla legge 151/2001.

Per approfondire leggi: Congedo straordinario con legge 104, il diritto di priorità è vincolante, ecco gli aventi diritto


Potrebbe interessarti: Bonus Irpef 100 euro 2021: perché 1,5 milioni di lavoratori rischiano la restituzione