Congedo straordinario retribuito: vacanze con il disabile sono consentite?

-
25/09/2019

Vacanze con il disabile durante il congedo straordinario retribuito: è possibile e cosa prevede la legge.

Congedo straordinario retribuito: vacanze con il disabile sono consentite?

C’è molta confusione sulle modalità di fruizione del congedo straordinario retribuito legato all’assistenza di un familiare con handicap grave in base alla legge 104, articolo 3, comma 3. Molti sono i lettori che ci scrivono per sapere se possono fare determinate attività durante la fruizione del congedo per non incorrere nel rischio del licenziamento per giusta causa per abuso del congedo stesso.

Congedo straordinario retribuito e vacanze

Una nostra lettrice ci chiede:

Posso partire in vacanza con mia mamma disabile durante congedo straordinario?

L’obiettivo del congedo straordinario retribuito è la cura e l’assistenza della persona con handicap grave e l’importante, durante la fruizione dello stesso è prestare cura e assistenza al familiare in questione. Ciò non implica, forzatamente, che l’assistenza debba essere prestata a casa del disabile. Quello che la legge richiede per la concessione del congedo stesso è la convivenza con il disabile ed il suo benessere. Una vacanza che per il disabile non può che essere uno svago, quindi, non è assolutamente vietata posto che anche nei giorni di vacanza le presti alla sua mamma la cura e l’assistenza necessaria per il suo benessere.


Leggi anche: Bonus prima casa under 36: Isee, requisiti, scadenza e agevolazioni fiscali

Il congedo, infatti, vieta di utilizzare i giorni di permesso retribuito dal lavoro per scopi personale  ma non vieta assolutamente la possibilità di muoversi di casa con l’assistito.