Diabete: invalidità e accompagnamento come fare domanda

Invalidità e indennità di accompagnamento, con quale percentuale si può ottenere l’assegno se affetto da diabete? Analizziamo cosa prevede la normativa.

Il diabete è una patologia cronica che si presenta con un elevato dosaggio di glucosio. Il diabete è una malattia subdola è colpisce molti organi, inoltre, numerosi studi hanno dimostrato che le persone diabetiche sono esposte maggiormente al morbo di Alzheimer rispetto ad altri individui.

Il diabete può provocare gravi problemi di salute che comportano un notevole cambio di stile di vita.

Diabete: le 4 classi di riferimento per la valutazione dei deficit funzionali

Classe I: diabete mellito tipo 2° (non insulino dipendente) con buon controllo metabolico (tasso glicemico a digiuno mg 150/dL e tasso glicemico dopo pasto mg 180-200/dL)

Classe II: diabete mellito tipo 1° (insulino-dipendente) con buon controllo metabolico (tasso glicemico a digiuno mg150/dL e tasso glicemico dopo pasto mg180-200dL). Diabete mellito tipo 1° e 2° con iniziali manifestazioni micro e macroangiopatiche rilevabili solo con esami strumentali.

Classe III: diabete mellito insulino-dipendente con mediocre controllo metabolico (tasso glicemico a digiuno mg150dL e tasso glicemico dopo pasto mg 180-200dL) con iperlipidemia o con crisi ipoglicemiche frequenti (nonostante una terapia corretta ed una buona osservanza da parte del paziente). Diabete mellito tipo 1° e 2° con complicanze micro e/o macroangiopatiche con sintomatologia clinica di medio grado, (es. retinopatia non proliferante e senza maculopatia, presenza di microalbuminuria patologica con creatininemia ed azotemia normali, arteriopatia ostruttiva senza gravi dolori ischemici ecc.).

Classe IV: diabete mellito complicato da: a) nefropatia con insufficienza renale cronica e/o b) retinopatia proliferante, maculopatia, emorragie vitreali e/o c) arteriopatia ostruttiva con grave “claudicatio o amputazione di un arto”.

Bonus 500 per diabete, quanto c’è di vero?

Percentuale di invalidità

In base allo stato di gravità rilevato dalla commissione medico legale sarà attribuito un codice riportante la percentuale invalidante. I codici delle percentuali invalidanti:

Codice 9309: diabete mellito tipo 1° o 2° con complicanze micro-macroangiopatiche con manifestazioni cliniche di medio grado (Classe III), percentuale dal 41% al 50%

Codice 9310: diabete mellito insulino-dipendente con mediocre controllo metabolico e iperlipidemia o con crisi ipoglicemiche frequenti nonostante terapia (Classe III), percentuale dal 51% al 60%;

Codice 9311: diabete mellito complicato da grave nefropatia e/o retinopatia proliferante, maculopatia, emorragie vitreali e/o arteriopatia ostruttiva (Classe IV), percentuale dal 91% al 100%.

Assegno di invalidità con quale percentuale si ha diritto?

Hanno diritto all’assegno di invalidità coloro che hanno una percentuale invalidante compresa tra il 74% al 99%. Invalidità con il 100% da diritto alla pensione d’inabilità.

È possibile ottenere anche l’indennità di accompagnamento con un’invalidità al 100 per cento e dovrà risultare incapace di deambulare, e per compiere le azioni quotidiane dovrà essere supportato da un accompagnatore.

Diabete: n. 5 domande e risposte aggiornate

1) Essendo affetto da diabete ed avendo difficoltà di articolazione alle mani con mancanza di tatto ai rispettivi pollici indici e medi posso richiedere la pensione?

2) Avendo il diabete mellito da più di 10 anni sono obesa tutto è apposto quello che mi fa paura ho tanto mal di schiena e gambe quando sono in piedi, ho 61 anni ho la osteoporosi con calcificazioni ossea su tutte e 2 le spalle e mi sono abbassata di 6 cm ditemi voi

Per entrambe le domande: È possibile inoltrare la domanda di invalidità civile tramite il suo medico curante che provvederà ad inviare il certificato all’Inps indicando la gravità delle sue patologie. Il sistema telematico rilascerà un numero protocollo. Avrà 90 giorni di tempo per presentare la domanda di invalidità presso un patronato, indicando nella domanda il codice protocollo che le ha consegnato il medico. La commissione medica valuterà il suo stato patologico le attribuirà una percentuale invalidante. Come sopra riportato solo una percentuale dal 74% in su, a diritto all’assegno di invalidità ordinario.

3) A che età si può usufruire della legge 104. Diabetico da anni età 77 anni. Grazie per la risposta.

Risposta: Non c’è un’età, la legge 104 si ottiene quando si ha uno stato di gravità patologico (handicap).

4) Mia figlia diabete tipo1 molto scompensato anoressia nervosa e disturbo borderline ha già 75×100 d’invalidità e legge 104 art3 comma 3 potrei chiedere l’accompagnamento 

5) Mia figlia diabete tipo 1 scompensato ha 75×100 d’invalidità e legge 104 art. 3 comma 3 ora ha disturbo borderline anoressia nervosa e osteoporosi ad alto rischio di fratture potrei chiedere l’accompagnamento? 

Per entrambe le domande: Dipende molto dallo stato invalidane e dall’aggravamento della patologia. L’indennità di accompagnamento viene riconosciuta con una percentuale del 100%. Può comunque inoltrare domanda di aggravamento anche in virtù delle nuove patologie subentrate. L’importante è presentare alla commissione medico – legale, la documentazione medica che comprova le difficoltà a compiere atti quotidiani.

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”