Domanda di aggravamento se lo stato invalidante è peggiorato

Domanda di aggravamento, quando va presentata? Analizziamo il quesito di una nostra lettrice in base alla normativa vigente

Domanda di aggravamento se lo stato invalidante è peggiorato

Domanda di aggravamento, quando va presentata? Analizziamo il quesito di una nostra lettrice: Buongiorno scusi il disturbo ma ho meno di 20 di 18/anni di contributi nn posso lavorare più per questione di saluta ho subito intervento ha cuore aperto sostituzione di valvolare mitralica pancatrite intervento calcoli colicisti Sofri di vene varicose nn posso operare per rischio infezione prendo anti coagulanti ossosporossi alta colonna vertebrale L1L2L3L4 sto 6 Ernie cervicali 3al lobare avevo /80 percento a visita mi anno declassata al/55/ ho messo l’avvocato mi anno dato il 61/percento nn e giusto magari potevo lavorare nn avrei chiesto niente e ho una macchia macularis ha l’occhio destro tutto certificato ho problemi neurologici ho avuto intervento al ginocchio nel 2002 di fifromatosi e da loro il ginocchio nn va più bene devo fare interventi alle ginocchia come e possibile che nn posso avere ne pensione lavorativa ne pensione di invalidio distinti saluti attendo risposta 

Non c’è una legge che tutela chi nn può lavorare con invalidità e problematiche di salute e genetiche grazie mille 

Posso mandare la mia documentazione a l’INPS di R.

Ricorso invalidità civile in corso dal /2017. Ha oggi niente quella di vecchiaia gennaio 2017 ha oggi niente per favore aiutatemi

Stato invalidante e aggravamento

Gent.mo Sig.ra

Il suo stato invalidante  derivante da tutte le patologia di cui Lei è portatore,   da quello che Lei riferisce  è stato valutato anche  nella fase giudiziale davanti al Tribunale, pertanto,  Lei potrà procedere, eventualmente, per una nuova domanda di aggravamento laddove il suo stato invalidante ha subito dei seri peggioramenti, con eventuale diritto alla  pensione di inabilità, erogata a domanda, laddove le verrà riconosciuta una inabilità lavorativa totale (100%) e permanente (invalidi totali) con un  reddito previsto per l’anno pari ad  € 16.814,34


Leggi anche: Imu seconda rata: scadenza del 16/12, esenzioni e riduzioni

Cordialmente Avv. Fernanda Elisa De Siena