Emergenza coronavirus: ascoltiamo le persone più fragili

-
30/03/2020

Emergenza coronavirus: Dillo ad ALCASE è una pagina vuota, tutta da scrivere, che saranno gli stessi malati a riempire. NotizieOra.it amplificherà la voce di chi scrive.

Emergenza coronavirus: ascoltiamo le persone più fragili

Innumerevoli i programmi di supporto ai malati (e alle persone a rischio di ammalarsi di cancro al polmone) che ALCASE ha attivato nel corso degli anni: molti sono ancora attivi, molti altri si sono via via aggiunti… (https://www.alcase.eu/support/ e https://www.alcase.eu/education/).  In questi giorni, ALCASE ha deciso di dar voce ai malati e ai loro “caregivers” con una nuova iniziativa: 

Dillo ad Alcase 

Dillo ad ALCASE è una nuova pagina del sito interamente dedicata ai pazienti di cancro del polmone. E’ una pagina vuota, tutta da scrivere, che saranno gli stessi malati a riempire. 

Perché? Perché spesso i pazienti provano sentimenti che tendono a reprimere o a non manifestare completamente. Evitano, in tal modo, di esternare la loro fragilità, che sentono come colpa. Con il rischio, però, di arrecare a se stessi un grave danno psicologico. Per evitare questa dolorosa autocensura, ALCASE ha pensato di aprire una porta, attraverso la quale sarà possibile esprimere pienamente i propri stati d’animo e le proprie emozioni. 

Sono tanti i sentimenti delle donne e degli uomini che si trovano a dover fronteggiare una diagnosi di tumore polmonare; e non sono solo i più ovvi: paura, disperazione, incertezza, rabbia… 


Leggi anche: Pensioni, la ricerca Schroders: ecco perché gli italiani sono i più preoccupati d’Europa

Grazie a DILLO AD ALCASE saranno gli stessi malati a dire quali essi siano veramente

Nei primi giorni dell’iniziativa, già molti hanno fatto sentire la loro voce, inviando un proprio scritto, mentre tanti di più hanno scelto di parlarne apertamente nella community” a loro dedicata: 

√ C’è chi, con diagnosi di adenocarcinoma polmonare al IV stadio, appena entrato in un protocollo sperimentale, temendo di esporsi al contagio, rinuncia ad una seduta di chemioterapia per non spostarsi dal centro Italia, dove risiede, in una città del nord, dove è in cura. 

√ C’è chi, nonostante le grandi difficoltà che si percepiscono negli ospedali segnala che tutto funziona ancora normalmente e che le terapie vengono regolarmente somministrate, senza ritardi od omissioni; al contrario, molti altri pazienti sono preoccupati per gli slittamenti delle terapie che subiscono. 

√ Alcuni malati raccontano di accessi a strutture ospedaliere e reparti ben organizzati; altri, invece, lamentano di carenze di precauzioni, sia per quanto riguarda l’utilizzo di guanti e mascherine che per la mancanza delle distanze di sicurezza. 

√ C’è purtroppo anche chi denuncia la immotivata sospensione di controlli strumentali e l’incertezza da parte dei medici sulle terapie da iniziare, in questo particolare momento di emergenza. 

√ Qualche paziente, con indubbio coraggio, decide di spostarsi, da solo, in centri lontani, per essere curato. Vuole che non vi siano familiari ad accompagnarlo, evitando così di farli incorrere in rischi aggiuntivi. 

√ C’è infine chi, per spezzare uno stigma frequente in Italia, tiene a testimoniare l’efficienza e le precauzioni adottate da un centro del sud. “Non sono solo al nord i bravi oncologi e le buone strutture, ne esistono anche al sud!”scrive. 


Potrebbe interessarti: Cassa integrazione COVID Ristori Bis: come funziona la proroga e quanto dura, ecco le prime istruzioni Inps

“Ogni anno quasi 40.000 nostri concittadini si ammalano di cancro del polmone e molti di essi non ne sopravviveranno.” dice il Dr. Buccheri, Direttore Medico di ALCASE, “Sono cifre enormi, che fanno poco rumore. Soprattutto ora, che tanti nostri concittadini muoiono di Coronavirus. Ma il fatto è che chi ha un cancro del polmone è molto più a rischio di morire di Covid-19 di chi non lo è. I malati questo lo sanno bene e si sentono, per così dire, presi fra due fuochi.” “Dare attenzione ai più fragili” conclude la Prof.ssa Gatta, Presidente dell’ODV “esprime la civiltà di una comunità… e noi intendiamo stimolare tutti perché la nostra comunità di Italiani lo sia pienamente.” 

√ Da qualche giorno ALCASE ha iniziato una nuova collaborazione con la giornalista Angelina Tortora che amplificherà la voce di chi scrive, pubblicandone il testo anche su NotizieOra.it. Qui un esempio recente:

⇒ Coronavirus: sono spaventata noi malati oncologici, fragili creature di cristallo, avremo spazi e tempi per le cure? (lettera aperta)

COMUNICATO AI MEDIA 

Boves Lì, 30-3-2020