Legge 104: cosa significa articolo n. 5 del decreto legge 9 febbraio 2012

Agevolazioni fiscali per disabili con legge 104, cosa significa articolo n. 5 del decreto legge 9 febbraio 2012.

Legge 104 secondo l’articolo n.5 del decreto-legge 9 febbraio 2012, quest’articolodeve esser indicato nei verbali di invalidità per poter ottenere le agevolazioni fiscali. E’ entrato in vigore nel cosiddetto decreto “Semplifica Italia”, il quale precede che i verbali di invalidità civile, handicap, cecità, sordità, disabilità, riportino anche l’esistenza dei requisiti sanitari necessari per la richiesta di rilascio del contrassegno invalidi di cui al comma 2, articolo 381, decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n. 495, e successive modificazioni, nonché per le agevolazioni fiscali relative ai veicoli previsti per le persone con disabilità.

Legge 104 e “voci fiscali”

Il verbale legge 104 deve indicare le condizioni sanitarie certificabili, specifiche previste dalla legge che danno diritto alle agevolazioni fiscali.

Indicazione nei verbali di invalidità civile

  • Affetti da handicap psichico o mentale di gravità tale da avere determinato il riconoscimento dell’indennità di accompagnamento (articolo 30, comma 7, legge 23 dicembre 2000, n. 388).
  • Invalidi con grave limitazione della capacità di deambulazione o affetti da pluriamputazioni (articolo 30, comma 7, legge 23 dicembre 2000, n. 388).
  • Invalidi con capacità di deambulazione sensibilmente ridotta (articolo 381, decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n. 495).
  • Ipovedenti gravi (articolo 4, legge 3 aprile 2001, n. 138).
  • Ipovedenti medio-gravi (articolo 5, legge 138/2001).
  • Ipovedenti lievi (articolo 6, legge 138/2001).

Indicazioni dell’handicap nei verbali di invalidità

  • Portatori di handicap con ridotte o impedite capacità motorie permanenti (articolo 8, legge 27 dicembre 1997, n. 449).
  • Invalidi con grave limitazione della capacità di deambulazione o affetti da pluriamputazioni (articolo 30, comma 7, legge 23 dicembre 2000, n. 388).
  • Invalidi con capacità di deambulazione sensibilmente ridotta (articolo 381, decreto del Presidente della Repubblica 495/1992).
  • Ipovedenti gravi (articolo 4, legge 138/2001).
  • Ipovedenti medio-gravi (articolo 5, legge 138/2001).
  • Ipovedenti lievi (articolo 6, legge 138/2001).

Quali sono i verbali di cedità

  • Invalidi con capacità di deambulazione sensibilmente ridotta (articolo 381, decreto del Presidente della Repubblica 495/1992).

Solo nel caso in cui il giudizio medico legale relativo alla domanda di cecità sia stato «privo delle minorazioni visive previste dalla legge 27 maggio 1970 n. 382 – non cieco civile» sono certificabili:

  • Ipovedenti gravi (articolo 4, legge 138/2001);
  • Ipovedenti medio-gravi (articolo 5, legge 138/2001);
  • Ipovedenti lievi (articolo 6, legge 138/2001).

Quali sono i verbali di sordità

  • Invalidi con capacità di deambulazione sensibilmente ridotta (articolo 381, decreto del Presidente della Repubblica 495/1992).

Verbali di disabilità

  • Invalidi con grave limitazione della capacità di deambulazione o affetti da pluriamputazioni (articolo 30, comma 7, legge 388/2000).
  • Invalido con capacità di deambulazione sensibilmente ridotta (articolo 381, decreto del Presidente della Repubblica 495/1992).
  • Ipovedenti gravi (articolo 4, legge 138/2001).
  • Ipovedenti medio-gravi (articolo 5, legge 138/2001).
  • Ipovedenti lievi (articolo 6, legge 138/2001).

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”