Legge 104 e Congedo straordinario retribuito: tutte le novità

-
20/11/2018

Un lavoratore dipendente che assiste un familiare disabile grave può richiedere un congedo straordinario. Ecco tutte le novità

Legge 104 e Congedo straordinario retribuito: tutte le novità

Un lavoratore dipendente che assiste un familiare disabile grave può richiedere un congedo straordinario. Infatti, per legge, si ha diritto a un concedo retribuito, per un periodo al massimo di 2 anni per tutta la vita lavorativa. Tale congedo viene beneficiato da lavoratori dipendenti esclusivamente per assistere un familiare con un handicap grave.

Il concedo straordinario è retribuito dall’Inps e dà diritto anche al riconoscimento dei contributi figurativi. Facciamo presente che per chiunque usufruisce di un concedo straordinario e ne facesse un uso al di là dell’assistenza del proprio familiare, può incorrere in gravi conseguenze.

Congedo straordinario Legge 104: che cosa è

L’articolo della legge n. 53/2000 regola il concedo straordinario retribuito legge 104 con cui i dipendenti pubblici e privati possono richiedere in conseguenza a gravi motivi familiari. Il concedo straordinario può essere concesso per un periodo continuativo o frazionato di 2 anni.

indennità di accompagnameno

Il dipendente che usufruisce del concedo, durante tutto il periodo non può svolgere altre attività lavorative.

Il congedo straordinario spetta, secondo il Decreto Legislativo n. 151/2001 all’articolo 42 comma 5, ai dipendenti conviventi con il soggetto con gravi disabilità, avente riconosciuta la legge 104, art. 3, comma3. La richiesta del concedo straordinario va concessa entro 60 giorni.

Il lavoratore, ina volta ottenuto il congedo, ha diritto:

  • a percepire un’indennità di congedo, corrispondente all’ultima retribuzione percepita;
  • all’accredito dei contributi figurativi.

Indennità congedo straordinario legge 104 è a carico dell’Inps, ma viene anticipata dal datore di lavoro e recuperata tramite il conguaglio contributivo, ma ci sono anche casi particolare in cui è direttamente l’Inps a pagarlo.

Congedo retribuito legge 104: come presentare domanda

Per ottener l’indennità congedo legge 104 bisogna inviare richiesta per via telematica all’Inps. In alternativa la domanda può essere inoltrata tramite i seguenti canali:


Leggi anche: Cassa integrazione COVID Ristori Bis: come funziona la proroga e quanto dura, ecco le prime istruzioni Inps

  • tramite il sito dell’Inps, sezione Servizi per il cittadino, utilizzando il proprio codice pin o l’indennità Spid o ancora la carta nazionale dei servizi;
  • il contact center Inps Inail (al numero 803.164, o 06.164.164 da mobile); anche qui c’è bisogno del pin;
  • tramite i servizi telematici dei patronati.

Se durante il periodo di concedo la situazione muta e non si hanno più i requisiti per poter ottenere il concede, va comunicato tempestivamente all’Inps o al datore di lavoro.

La domanda d’indennità deve essere compilata indicando anche di quanti giorni si intende usufruire.

Congedo straordinario legge 104: può fruirne il lavoratore disabile?