Legge 104 e sconti per acquisto mobili con iva al 4%, è possibile?

La legge 104 tutela le persone con disabilità con la possibilità di varie agevolazioni anche ai fini fiscali, analizziamo se rientra anche l’acquisto mobili.

La legge 104 tutela le persone con disabilità con la possibilità di varie agevolazioni anche ai fini fiscali, un lettore ci pone la seguente domanda: Salve, a mio padre è stata riconosciuta la legge 104, volevo sapere se per l’acquisto si mobili può avvalersi dell’Iva al 4%. Grazie

Agevolazioni disabili: IVA agevolata al 4% per acquisto mobili?

Le persone disabili in possesso della legge 104 art. 3 comma 3 hanno diritto a innumerevoli agevolazioni tra cui l’esenzione del bollo auto, l’acquisto di autovettura con l’iva agevolata al 4% anziché il 22%; sezione iscrizione PRA, pass disabili, ecc.

La normativa sulle agevolazioni fiscali disabili

La normativa vigente tutela le persone disabili, ci sono molti acquisti che permettono di avere agevolazioni e sono legati alla patologia invalidante. Gli acquisiti di beni considerati beni di facile consumo non rientrano nelle agevolazioni.

Quindi, l’acquisto dei mobili non rientra nelle agevolazioni disabili.

È possibile trovare in quest’articolo l’elenco delle: Agevolazioni fiscali per le persone con disabilità, tutte le novità

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”