Malati oncologici: serve sangue, non si può operare e non si può aspettare

-
13/03/2020

I malati oncologici non hanno tempo, non possono aspettare. L’appello del dottore Filippo Lococco: “donare in questo momento è possibile, SICURO e forse anche doveroso”

Malati oncologici: serve sangue, non si può operare e non si può aspettare

Malati oncologici e difficoltà negli interventi chirurgici per l’emergenza contagio coronavirus (COVID -19). Stamattina ho intervistato la Presidente di ALCASE Italia, la Prof.ssa Dea Anna Gatta, che ci ha segnalato l’appello del dottore Filippo Lococo,  che opera al Policlinico Agostino Gemelli di Roma. Il medico Lococo invita a recarsi presso i centri trasfusionali a donare il sangue. Il sangue non è infetto, i centri sono attrezzati secondo le disposizioni segnalate dal Ministero della Salute per combattere la diffusione del virus. È possibile telefonare e prendere appuntamento con i centri trasfusionali. Per uscire di casa munirsi di autocertificazione;  è possibile stampare qui il modulo e compilarlo: Coronavirus: nuovo modulo di autocertificazione (pdf)

I malati oncologici non hanno tempo

Ci sono interventi che possono essere rimandati, gli interventi per persone a rischio non si possono fare. I malati oncologici che devono essere operati non possono aspettare, per loro non c’è tempo. Non bisogna avere paura, l’Italia affronta ogni giorno, ogni ora interventi urgenti oncologici. 

L’appello è valido per tutti gli ospedali, con il nostro impegno possiamo salvare delle vite. 

Post di Facebook: “EMERGENZA SANGUE GEMELLI-ROMA”

“Condividete per favore

In un momento in cui i medici stanno facendo uno sforzo notevole per mantenere adeguate le cure essenziali, i cittadini hanno smesso di andare a donare. Vi prego di capire che questo crea un problema enorme a tutta la sanità. Pensate a chi ha un emorragia o deve essere sottoposto ad un intervento (solo malati urgenti o oncologici) che non ha sangue a disposizione.
Donare in questo momento è possibile, SICURO e forse anche doveroso (vi ricordo solo di fare l autocertificazione). Il numero da chiamare è 0630157262 o (se intasato) il centralino 0630151 (chiedendo del Centro Donazioni) per avere le informazioni del caso e per avere un appuntamento ed evitare assembramenti e code. Chiunque di voi venga a donare (io sono in lista domani ore 8) può chiamarmi e mi rendo disponibile personalmente nel guidarlo dentro il policlinico fino al Centro Donazione.
Per ogni cittadino è arrivato il momento di fare anche così la propria parte. Rifletteteci e rispondete alla vostra coscienza.”


Leggi anche: Pensioni, la ricerca Schroders: ecco perché gli italiani sono i più preoccupati d’Europa

“Mettiamoci la faccia”

Dott. Filippo Lococco