Parcheggio per disabile: con su scritto “Io pago”, il Comune corre ai ripari

Parcheggio per disabile, il Comune posiziona cartelle offensivi e privi di ogni moralità, sui social diventa virale e l’amministrazione corre ai ripari.

Parcheggio per disabile, spunta un cartello stradale che crea discordia perché sul simbolo della sedia a rotelle per disabili, sopra riportava “Io pago”. Da qui nasce la polemica, che quella scritta male interpretata avesse il significato che le persone con disabilità siano parassiti. Il Comune corre subito ai ripari.

Parcheggio per disabili: il caso

Il Comune di Trapani aveva immesso sulle strade un cartello stradale che anche gli automobilisti con disabilità dovevano pagare la sosta. Sui social la notizia diventa virale, si legge: “Non riesco a crederci, commentando la foto del cartello, non mi sembra possibile: quel cartello con il simbolo dell’handicap e sopra la scritta ‘Io pago’. E invece è vero. Che tristezza, signor sindaco: quel cartello è un vero e proprio atto di bullismo. Vi è la convinzione mal celata che tutte le persone disabili siano in fondo dei parassiti, che speculano sulla propria condizione”.

Aspre critiche all’amministrazione comunale e al sindaco: “Lei governa una comunità; le comunità si fondano su un principio di solidarietà nei confronti dei soggetti deboli. E non mi dica che la sua amministrazione ha già fatto molto per le persone con disabilità: istituito un garante per la disabilità, inaugurato spazi di socializzazione, promosso manifestazioni. Tutto encomiabile, ma che non serve a molto, se poi non viene garantita l’assistenza a chi ne ha bisogno (quando verranno avviati i progetti terapeutici obbligatori?) e se compaiono cartelli simili”.

L’amministrazione corre immediatamente ai ripari, e replica che i cartelli sono sbagliati oltre a essere anche offensivi: “Fermo restando che i controlli sull’uso improprio dei pass autorizzativi per persone con disabilità sono carenti in questa città come in altre, questo provvedimento va corretto perché a Trapani l’autovettura con il pass H non paga in nessun posto”.

Fonte: Superabile

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”