Pensionamento anticipato per assistere il familiare con legge 104, le possibilità attuali

-
16/03/2020

Pensionamento anticipato quando si assiste un familiare con handicap grave ai sensi della legge 104 art. 3 comma 3, le possibilità attualmente in vigore.

Pensionamento anticipato per assistere il familiare con legge 104, le possibilità attuali

Il pensionamento anticipato per il lavoratore che assiste un familiare disabile con handicap grave ai sensi della legge 104 art. 3 comma 3, è possibile con l’Ape Sociale e con la Quota 41. La figura del “caregiver” per molto tempo è stata ignorata e sottovalutata. Lavorare e assistere un familiare con grave disabilità non è facile e comporta sacrificio sia fisico che mentale. Un lettore ci chiede: Ho 59 anni ha luglio e 33 anni di marche in più sono diabetico ed ho un figlio di 20 autistico a carico quando posso andare in pensione

Pensionamento anticipato con legge 104

Il pensionamento anticipato per il lavoratore “caregiver” cioè colui che assister il familiare con handicap grave ai sensi della legge 104 art. 3 comma 3 è previsto nell’Ape Sociale con almeno  63 anni di età e 30 anni di contributi, questa misura pensionistica scade il 31 dicembre 2020, salve eventuale proroga. L’Inps ha pubblicato le date da ricordare per fare domanda Ape Sociale nel 2020. La prima data è il 31 marzo 2020, poi il 15 luglio e non oltre il 30 novembre 2020. Giustamente ci si chiede come fare a presentare domanda con l’emergenza coronavirus in corso, abbiamo risposto a questa domanda in quest’articolo: Pensione anticipata APE Sociale: domanda entro il 31 marzo, come fare per il Coronavirus

Un’altra misura per il pensionamento anticipato indipendentemente dall’età è la quota 41, che prevede come tutela il lavoratore “caregiver”, ma bisogna aver maturato 41 anni di contributi ed essere un lavoratore precoce (avere almeno 52 settimane di contributi prima del compimento del 19° anno di età). 


Leggi anche: Dolci tipici di Natale regione per regione vediamo quali sono

In entrambi i casi è richiesta la convivenza con il familiare d’assistere almeno da sei mesi. 

Lei, purtroppo al momento non raggiunge i requisiti per nessuna delle due misure.

Se poi ha versato almeno cinque anni in un fondo pensione può valutare il pensionamento con la rendita integrativa temporanea anticipata. Si tratta di una misura molto particolare, che prevede necessariamente l’attivazione di un fondo pensione per tempo. Per maggiori informazioni le consiglio di leggere: Pensionamento con la RITA: requisiti, aspetto fiscale e convenienza, guida completa