Pensione a 54 anni con possibile congedo legge 151: chiariamo alcuni punti

-
10/03/2020

Pensione con quota 41 e congedo legge 151: vediamo come arrivare al pensionamento senza troppo stress.

Pensione a 54 anni con possibile congedo  legge 151: chiariamo alcuni punti

Per i caregiver che assistono familiari con handicap grave in base alla legge 104, articolo 3, comma 3 è prevista la possibilità di un pensionamento anticipato grazie all’Ape sociale e alla quota 41. Vediamo, però, come è possibile abbinare al pensionamento anticipato il congedo straordinario retribuito regolato dalla legge 151/2001.

Pensione a 54 anni e congedo straordinario

Una nostra lettrice ci scrive:

Buongiorno ho 54 anni 38 anni di marchette ho iniziato a 16 anni e una figlia invalida al 100 per cento con 104 quando posso andare in pensione e posso usufruire della legge 151 per uscire due anni prima

Avendo lei iniziato a lavorare prima dei 18 anni ed avendo, di conseguenza, versato almeno 12 mesi di contributi prima del compimento dei 19 anni di età, rientra nella categoria dei lavoratori precoci. Può, quindi, accedere al pensionamento con la quota 41 come caregiver, al raggiungimento dei 41 anni di contributi, ovvero fra circa 3 anni.

Nel frattempo, per dedicarsi completamente a sua figlia può benissimo fruire del congedo straordinario retribuito di 2 anni durante il quale continuerà a maturare contribuzione figurativa utile sia al diritto che alla misura della pensione. Terminato il congedo straordinario, però, dovrà tornare al lavoro per maturare l’ultimo anno di contributi necessari per raggiungere i 41 anni richiesti per accedere alla quota 41.

In alternativa potrebbe utilizzare anche il congedo straordinario retribuito frazionato a giorni, lavorando soltanto qualche giorno a settimana e fruendo di 730 giorni di congedo che potrebbero, se conteggiati bene, accompagnarla fino al pensionamento permettendole di assistere sua figlia se non proprio tutti i giorni, per gran parte della settimana per i prossimi 3 anni.