Pensione anticipata Quota 100 e legge 104 (per se e per i familiari), cosa cambia nel 2019

-
04/08/2018

Pensione anticipata Quota 100 e legge 104 (per se e per i familiari), cosa cambia nel 2019

La pensione anticipata Quota 100, lascia fuori molte platee di beneficiari, tra questi vi sono i lavoratori con un’invalidità del 74% e i lavoratori che assistono da più di 6 mesi i familiari con handicap grave con legge 104 art. 3 comma 3 (caregiver).

Ape Sociale

bonus legge 104Attualmente esiste l’Ape Sociale, che è stata attuata in via sperimentale fino al 31 dicembre 2018. La misura prevede che  chi accudisce da almeno sei mesi il coniuge, la parte dell’unione civile (a seguito dell’equiparazione con il coniuge offerta dalla legge 76/2016), il parente entro il primo grado conviventi affetti da gravi disabilità come accertata ai sensi dell’articolo 3 comma 3 della legge 104/92, (caregiver),  può chiedere la pensione anticipata a 63 anni con 30 di contributi versati.

Possono fare domanda di APE Sociale nel 2018 anche gli invalidi civili con un grado di invalidità pari o superiore al 74%.

Riforma pensione: Quota 100 e Opzione donna dal 2019, ci sarà un peggioramento?

Pensione anticipata Ape Sociale: proroga al 2019

La previsione contenuta nella legge di Bilancio è rappresentata dall’istituzione del Fondo Speciale per l’APE nel quale confluiranno i risparmi maturati con l’obiettivo di prorogare la possibilità sino al 31 dicembre 2019 (per l’estensione temporale servirà però un provvedimento legislativo).

Il fondo avrà dotazione di 17,4 milioni di euro per il 2019, 12,1 milioni per il 2020, 14,4 milioni per il 2021, 6,6 milioni per il 2022, 7,9 milioni per il 2023 e 5 milioni a decorrere dal 2024.

Ci si chiede perchè il Governo non intende prorogarla? Nella Quota 100 non è stata prevista questa figura che assistere il familiare con handicap grave con legge 104.


Leggi anche: Pensioni, la ricerca Schroders: ecco perché gli italiani sono i più preoccupati d’Europa

Caregiver familiare 

Il caregiver familiare riveste una figura molto importante, è la persona che aiuta, in maniera gratuita e quotidiana, un proprio parente di primo grado non autosufficiente fisicamente e/o mentalmente. La legge di Bilancio ha dato importanza a questa figura, inserendo questa mansione fra i lavori gravosi in modo che  questa particolare categoria di persone, possono andare in pensione anticipata.

Nella regione Emilia-Romagna, esiste una propria legge regionale (Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare) per sostenere psicologicamente ed economicamente queste persone, istituita anche la Giornata del caregiver, che si tiene nell’ultimo sabato di Maggio.

Abolire l’Ape Sociale significa penalizzare il caregiver con legge 104

Abolire l’Ape Sociale, significa togliere la possibilità ai caregiver familiari e ai lavoratori con un’invalidità del  74%, di andare prima in pensione, un beneficio importante per chi assiste un familiare con handicap grave legge 104 art. 3 comma 3. La nuova misura Quota 100, ha come requisito 64 anni e 36 anni di contributi, mentre l’Ape Sociale da la possibilità di uscire a 63 anni e 30 anni di contributi, insomma la differenza c’è ed è molta.

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a [email protected]