Pensione di invalidità può essere richiesta con tiroide?

-
24/10/2019

Si può avere la pensione di invalidità per disfunzione della tiroide? Vediamo cosa è previsto dalla normativa al riguardo.

Pensione di invalidità può essere richiesta con tiroide?

Il diritto all’invalidità viene riconosciuto solo a coloro che sono affetti da determinate patologie inserite nella tabella ministeriale. Nella tabella, tra l’altro ci sono le percentuali di invalidità attribuibili alle diverse malattie.

Invalidità per tiroide è possibile?

Un nostro lettore ci chiede:

Mi scusi sto chiamando per informazioni per la pensioni di invalidità.Voglio sapere io sono malato di tiroide morbo di Basedow Graves posso posso chiedere pensioni di validità.

Per aver diritto alla pensione di invalidità deve per prima cosa farsi riconoscere una percentuale di invalidità. Se questa, poi, è pari a superiore al 74%,  avrà diritto a richiedere l’assegno ordinario di invalidità (se ha almeno 5 anni di contributi versati di cui almeno 3 nell’ultimo quinquennio).

In ogni caso è bene sapere che nè l’ipertiroidismo nè l’ipotiroidismo  rientrano nelle malattie che danno il diritto all’invalidità civile. Può succedere, però, che una disfuzione della tiroide provochi delle patologie più graci che facciano rientrare nelle percentuali di invalidità per ridotta capacità lavorativa.

Quindi, a priori, non si può dire se con la tiroide si ha diritto o meno all’invalidità.

Quello che si può dire con certezza è che nelle tabelle ufficiali è riconosciuta:

  • percentuale di invalidità fissa al 100% per ipotiroidismo grave con ritardo mentale
  • percentuale di invalidità del 50% per iperparatiroidismo primario
  • invalidità con percentuale dal 91 al 100% per ipoparatiroidismo non suscettibile ad utile trattamento.

Il mio consiglio, quindi, è di richiedere una visita presso commissione medica ASL (che dovrà prescriverle il suo medico) per farsi certificare la percentuale di invalidità che la disfunzione della tiroide le procure e, solo dopo, cercare di capire in base alla percentuale, se le spetta una pensione di invalidità o qualsiasi altri beneficio derivante non dalla patologia ma dall’invalidità riconosciuta.