Pensione di vecchiaia anticipata pubblico impiego: attenzione non è prevista, ecco perchè

-
15/06/2020

Pensione di vecchiaia anticipata inibita per pubblico impiego: attenzione, però, esistono 3 trattamenti di cui possono fruire vietati nel settore pubblico.

Pensione di vecchiaia anticipata pubblico impiego: attenzione non è prevista, ecco perchè

Abbiamo parlato in precedenti articoli della pensione di vecchiaia anticipata cui possono accedere i lavoratori invalidi con percentuale pari o superiore all’80% con soli 20 anni di contributi (così come richiesto, appunto, dalla pensione di vecchiaia tradizionale) e con 56 anni di età se donne e 61 anni se uomini. Si tratta di una misura però, che possono utilizzare soltanto i dipendenti del settore privato ed i lavoratori autonomi, mentre rimane preclusa per i dipendenti del pubblico impiego.

Pensione di vecchiaia anticipata pubblico impiego

Verrebbe da chiedersi il motivo di quella che potrebbe sembrare una palese ingiustizia. La pensione di vecchiaia anticipata nel pubblico impiego non è accessibile perchè l’invalidità tra settore pubblico e settore privato è regolata diversamente e mentre ci sono misure cui i dipendenti pubblici non possono utilizzare, ve ne sono altre, studiate appositamente per il pubblico impiego, negate ai dipendenti privati. Cerchiamo di capire.

La pensione di vecchiaia anticipata invalidi, così come l’assegno ordinario di invalidità e la pensione di invalidità civile sono misure apposite per dipendenti del settore privato da cui i dipendenti pubblici sono preclusi. 

Dal loro canto, però, i dipendenti pubblici cui è stata riscontrata inabilità, in base alla pensioni news, al lavoro possono beneficiare dei trattamenti di inabilità, da cui sono esclusi i dipendenti del settore privato. Al termine dell’aspettativa di infermità, il dipendente pubblico che presenta un’inabilità che non consente la prosecuzione del rapporto di lavoro, può essere collocato in pensione e dopo essere stato dispensato dal servizio.


Leggi anche: Spid, l’Agenzia delle Entrate rottama le password dall1/10

Pur non potendo accedere alla pensione di vecchiaia anticipata i dipendenti pubblici ui possono fruire:

Inabilità assoluta e permanente alla mansione, per la quale sono richiesti i seguenti requisiti: riconoscimento di permanente inidoneità alla propria mansione,  almeno 15 anni di servizio e dispensa dal servizio per inabilità;

Inabilità assoluta e permanente a proficuo lavoro, per la quale sono richiesti i seguenti requisiti : riconoscimento di inidoneità alla svolgimento di attività lavorativa, ,  almeno 15 anni di servizio e dispensa dal servizio per inabilità permanente a proficuo lavoro;

Inabilità assoluta e permanente a qualsiasi attività lavorativa, un trattamento diverso rispetto ai due precedenti poichè si tratta di un’inabilità più grave che richiede almeno il versamento di 5 anni di contributi di cui 3 nel quinquennio precedete la prestazione pensionistica.