Permessi legge 104: ci si può rifiutare di lavorare il sabato, domenica e festivi? La normativa

-
13/12/2019

Permessi legge 104 e rifiuto di lavorare nei giorni di sabato, domenica e festivi: analizziamo cosa prevede la normativa vigente.

Permessi legge 104: ci si può rifiutare di lavorare il sabato, domenica e festivi? La normativa

Dopo la pubblicazione di un nostro articolo sui permessi legge 104 ci sono arrivate alcune domande specifiche dei nostri lettori, I quesiti vertono sulla possibilità di rifiutarsi di lavorare nei giorni di sabato e domenica. Per rispondere ai nostri lettori, bisogna evidenziare la normativa di riferimento e capire cosa fare in questi casi. Ecco una breve panoramica che si articola tra CCNL, giurisprudenza e INPS.

Permessi legge 104: riposo settimanale

Nello specifico il D. lgs n. 66/2003 stabilisce inderogabilmente, il riposo settimanale, di 24 ore consecutivi ogni 7 giorni. La legge stabilisce che il riposo settimanale coincida con la domenica; da chiarire che il giorno di riposo è regolato dai contratti collettivi nazionali di categoria, che in base ai livelli, alle esigenze territoriali subiscono varie varianti.

Permessi legge 104: contratti collettivi nazionali

Ci sono contratti collettivi nazionali che prevedono la facoltà per i dipendenti che assistono un disabile con handicap grave ai sensi della legge 104 art. 3 comma 3 di rifiutarsi di effettuare turni di lavoro nelle domeniche e nei festivi; uno di contratti più noti che prevede questa facoltà è il CCNL Commercio e Terziari. Tale facoltà è preclusa nei contratti del comparto Sanità.


Leggi anche: Contributi a fondo perduto per Partite IVA e professionisti: le novità in arrivo con il Decreto Sostegno

Se i Ccnl non riportano specifiche in merito, bisogna far riferimento agli orientamenti della giurisprudenza nell’ambito del lavoro festivo e domenicale.

La giurisprudenza

Secondo la giurisprudenza, il datore di lavoro può esigere la prestazione lavorativa di domenica o di un giorno festivo, solo se subentrano determinate condizioni:

  • Aziende che svolgono attività di pubblica utilità;
  • Comunicazione di congruo anticipo della data di prestazione festiva; 
  • Esigenze del datore di lavoro di carattere tecnico – organizzativo;
  • Il lavorate deve dare il suo consenso al lavoro domenicale o festivo, anche tacito. Su questo punto ci sono molto idee discordanti e teorie diverse.

Parere discordante dalla Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro

La Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro, si è espressa in merito affermato che: “il lavoro festivo e domenicale sia solo una facoltà, e non un obbligo per il dipendente”. Inoltre, precisa che nasce l’obbligo da parete del lavoratore a prestare attività lavorativa nei festivi e nel giorno di riposo domenicale, nello specifico elenca i seguenti casi:

  • casi di eccezionali esigenze tecnico-produttive;
  • casi di forza maggiore o casi in cui la mancanza della prestazione lavorativa possa causare un pericolo grave e immediato oppure un danno alle persone o alla produzione;
  • eventi particolari, come mostre, fiere e manifestazioni collegate all’attività produttiva dell’impresa.

Secondo la Fondazione, quando non subentrano queste casistiche, il lavoratore non è obbligato al lavoro festivo e domenicale.

Diversamente è il caso di un medico ospedaliero, che in mancanza di una prestazione lavorativa possa causare un danno alla persona, anche se il lavoratore è beneficiario dei permessi legge 104 per assistere un familiare disabile,

Si fa presente che se anche il contratto non preveda la facoltà di rifiuto della prestazione lavorativa di domenica e festivi, è sempre necessario la modulazione dell’orario settimanale in grado di garantire un sufficiente riposo del dipendente con le esigenze di assistenza al familiare con handicap grave. In questi casi specifici è possibile fare domanda di permessi legge 104 per le giornate coincidenti con i festivi e le domeniche.


Potrebbe interessarti: Bonus vacanze 2021, le novità: proroga con scadenza a fine anno grazie al Milleproroghe

Permessi legge 104: il messaggio Inps

L’Inps con il messaggio n. 3114/2018 chiarisce la possibilità di fruizione dei permessi di tre giorni retribuiti per assistere il familiare con disabilità grave (art. 3 comma 3).

Per approfondimenti rimandiamo all’articolo: Permessi legge 104 di tre giorni retribuiti: la fruizione anche nei festivi

Permessi legge 104: rifiuto di lavorare il sabato e la domenica

1) Buongiorno, sono una lavoratrice a cui è  stata riconosciuta la legge 104 (per me stessa), lavoro presso una struttura per anziani, con contratto a tempo indeterminato, il contratto è quello delle cooperative sociali, sono impiegata presso la reception dove lavoriamo a turni alterni (mattina o pomeriggio)  6 giorni su 7 per cui comprensivi ovviamente anche di Domeniche e festività, stanca di riscontrare avversità ogni volta che richiedo come di diritto i 3 giorni (ed è capitato anche che non mi fossero concessi, cmq per dare un colpo all’incudine ed uno al martello per evitare spiacevoli “dissapori” con il Datore di lavoro con cui sono a stretto contatto, soprassedevo), leggevo in alcuni articoli che il lavoratore disabile che usufruisce come me di permessi 104 per se stesso, oltre ai 3 giorni può rifiutarsi di lavorare nei giorni festivi e Domeniche è vero?

Ringraziandovi per il prezioso lavoro e tutela

Fiduciosa in un vostro riscontro

Porgo i miei più distinti saluti R.

2) Buongiorno, sono una guardia giurata e sono titolare di L 104/92 con invalidità al 90%, ho letto che con la suddetta legge posso chiedere al mio istituto di essere esentato dal lavoro domenicale e festivo. Se è confermato questo diritto come viene impostata la richiesta? Esiste una qualche normativa in appoggio alla legge? Grazie

Risposta ai lettori

Abbiamo evidenziato in breve la normativa che tutela i lavoratori che fruiscono dei permessi legge 104. La tutela ha maggiore rilevanza quando i permessi sono fruiti per assistere il familiare con handicap grave art. 3 comma 3. La prima cosa da fare è verificare il CCNL di categoria, perché in alcuni, soprattutto nel pubblico impiego, un principio basilare è la strutturazione dell’orario e sono considerate con la compatibilità delle attività lavorative le condizioni di svantaggio personale (come lavoratore disabile, ecc.). Per verificare le condizioni contrattuali è possibile rivolgersi alle organizzazioni sindacali. 

Da chiarire che le condizioni sopra elencate per poter fruire del permesso, in linea generale sono sempre da considerare. Il dipendente con legge 104, può presentare domanda al datore di lavoro per esonero del lavoro di domenica e nei festivi. Il datore di lavoro ha l’obbligo di rispondere alla richiesta motivandone il rifiuto.