Permessi legge 104 e 12 giorni in più: come sono considerati ai fini contributivi?

-
22/05/2020

Permessi legge 104 e 12 giorni in più complessivamente per maggio e giugno, come incidono ai fini dei contributi? Scopriamolo.

Permessi legge 104 e 12 giorni in più: come sono considerati ai fini contributivi?

Il decreto Rilancio ha prorogato i permessi legge 104 di 12 giornate in più rispetto ai tre giorni mensili anche per i mesi di maggio e giugno 2020. La proroga è prevista all’art. 24 del decreto legge del 19 maggio 2020, n. 34. Nello specifico il decreto riporta: “e di ulteriori complessive dodici giornate usufruibili nei mesi di maggio e giugno 2020”; ai sensi dell’articolo 24 in materia di permessi retributivi ex articolo 33, legge 5 febbraio 1992 numero 104.

Permessi legge 104 e 12 giorni in più che valore hanno ai fini contributivi?

Un lettore ci ha scritto: Salve volevo sapere se i 12 giorni 104 estesi a maggio e giugno sono pagati per intero come i 3 giorni 104 mensili ordinari e come sono considerati i contributivi e la  tredicesima… grazie vi saluto.

Le dodici giornate di permessi in  più da fruire complessivamente nei mesi di maggio e giugno, sono pagati regolarmente come i tre giorni ordinari, come un normale permesso di assenza da lavoro, l’unica differenza che sono a carico dell’Inps. Inoltre, i permessi legge 104 per il periodo di astensione dal lavoro sono coperti da contribuzione figurativa valida sia al diritto che alla misura ai fini della pensione. 

In riferimento alla tredicesima e alle ferie, il Ministero del Lavoro, ha chiarito che non incidono sulle ferie e non devono essere riproporzionati se nel mese non si fruiscono di giorni di ferie. Lo stesso discorso riguarda anche il trattamento di fine rapporto e la tredicesima mensilità.


Leggi anche: Cambio dell’ora, dalla legale alla solare: quando spostare l’orologio

Ai fini pensionistici i permessi legge 104 sono coperti da contribuzione figurativa valida sia ai fini del diritto che della misura pensionistica, questo significa che possono essere utilizzati sia per il perfezionamento del requisito contributivo che per aumentare l’importo dell’assegno pensionistico.

Per approfondire le dodici giornate di permessi legge 104 e gli aventi diritto, consigliamo di leggere la nostra guida: Permessi legge 104: le 12 giornate sono pagate al 100% e coperte da contributi?