Permessi legge 104, fino a 18 giorni tra marzo e aprile: a chi fare domanda?

-
26/03/2020

A chi si deve richiedere la fruizione dei giorni di permesso legge 104 aggiuntivi stanziati dal decreto?

Permessi legge 104, fino a 18 giorni tra marzo e aprile: a chi fare domanda?

Il Decreto del governo ha aumentato per il mese di marzo e aprile i giorni che possono essere utilizzati di permesso legge 104 di 12 giorni, fruibile anche in uno solo dei due mesi. Di fatto, quindi, i giorni di permesso legge 104, sono 18 da spalmare in 2 mesi.

Permessi legge 104

Un nostro lettore ci scrive:
Buongiorno, dovrei fare domanda per congedo straordinario di 12+3 giorni,come da decreto cura Italia.Da giorni cerco di contattare l’INPS ma senza nessun risultato a chi mi devo rivolgere? Visto che neanche il Caaf sono aperti?
Vi ringrazio, cordiali Saluti. 


Vediamoci chiaro. I giorni spettanti di permessi legge 104 mensilmente sono 3: quindi ne spettano 2 a marzo e 3 ad aprile. A questi vanno aggiunti, poi, i 12 giorni di estensione dei permessi fruibili tra marzo ed aprile ( o anche tutti in uno solo dei 2 mesi).

Per poter fruire dei permessi legge mensili più quelli previsti dal decreto Cura italia non c’è bisogno di presentare domanda specifica all’INPS, se già si fruiva dei permessi legge 104 mensili in precedenza. L’autorizzazione alla fruizione dei permessi, quindi, già si possiede e si deve procedere soltanto a comunicare al datore di lavoro i giorni specifici in cui si intende fruire dei permessi.

Se, ad esempio decide di fruire di 5 giorni a marzo, per aprile le resteranno 13 giorni di permesso. Fermo restando che i 3 giorni di permesso mensile vanno fruiti nel mese in corso e non sono cumulabili con quello successivo, i 12 giorni di estensione possono essere decisi da lavoratore che potrà fruirne tra marzo ed aprile.

Nel suo caso, quindi, la domanda non va presentata al CAF o all’INPS ma semplicemente al datore di lavoro precisando che i giorni che eccedono ai 3 sono quelli stanziati dal Decreto Cura Italia ai lavoratori che si prendono cura di un familiare disabile o al lavoratore disabile stesso.