Permessi legge 104, i 18 giorni spettano anche ai lavoratori disabili?

-
27/03/2020

Estensione di 12 giorni dei permessi legge 104: possono fruirne anche i lavoratori disabili e non solo chi si prende cura di un disabile.

Permessi legge 104, i 18 giorni spettano anche ai lavoratori disabili?

Il Decreto Cura Italia ha esteso il numero di giorni di permesso legge 104 di 12 giorni fruibili tra marzo e aprile. Di fatto, quindi, chi fruisce i 3 giorni di permesso mensile si troverà, tra marzo ed aprile, a poter fruire di 18 giorni: 3 per marzo, 3 per aprile e 12 spalmabili su entrambi i mesi. Inizialmente c’era stata un pò di confusione su chi erano i destinatari dell’estensione. Chiariamo i dubbi.

12 giorni in più di permessi 104

Una nostra lettrice ci scrive:

Buongiorno sono una malata oncologica,con un invalidità al 100% svolgo un’attività al servizio del pubblico in un supermercato, vorrei maggiori chiarimenti riguardo la 104 straordinaria, cioè i 12 giorni in più… Mi spettano? O spettano solo a coloro che fanno assistenza ? Attendo una risposta, nell’attesa porgo distinti saluti, grazie 

Anche se inizialmente, nella prima circolare successiva al Decreto, l’Inps aveva scritto erroneamente che i giorni in più di permesso spettavano soltanto a chi assiste un familiare con grave handicap in base alla legge 104, articolo 3, comma 3, nel Decreto Cura Italia è sempre stato specificato che a poterne fruire erano sia i lavoratori che assistono un familiare con handicap che i lavoratori a loro volta disabili.


Leggi anche: Whatsapp dal 2021 smetterà di funzionare su questi cellulari

Il Decreto, infatti, si limitava a sostenere che i 3 giorni di permesso erano incrementati di 12 giorni, senza specificare chi erano i beneficiari della norma il questione.

Ma in una circolare successiva l’INPS ha chiarito i dubbi al punto 6 della circolare numero 45 del 2020, specificando che:

L’articolo 24 del decreto-legge n. 18/2020 ha previsto l’incremento del numero di giorni di permesso retribuiti di cui all’articolo 33, commi 3 e 6, della legge n. 104/92, di ulteriori
complessive 12 giornate usufruibili nei mesi di marzo e aprile 2020.
Conseguentemente, i soggetti aventi diritto ai permessi in questione potranno godere, in aggiunta ai tre giorni mensili già previsti dalla legge n. 104/1992 (3 per il mese di marzo e 3
per il mese di aprile), di ulteriori 12 giornate lavorative da fruire complessivamente nell’arco dei predetti due mesi.
I 12 giorni possono essere fruiti anche consecutivamente nel corso di un solo mese, ferma restando la fruizione mensile dei tre giorni ordinariamente prevista.
Le 12 giornate di cui all’articolo 24 del decreto in esame, così come i tre giorni ordinariamente previsti dall’articolo 33, commi 3 e 6, della legge n. 104/92, possono essere fruiti anche
frazionandoli in ore.
Ai fini della frazionabilità in ore delle ulteriori 12 giornate di permesso di cui alla norma in commento, restano fermi gli algoritmi di calcolo forniti nei messaggi n. 16866/2007 e n. 3114/2018 per la quantificazione del massimale orario dei 3 giorni ordinariamente previsti dall’articolo 33, commi 3 e 6, della legge n. 104/92, sia in caso di lavoro a tempo pieno sia in
caso di lavoro part-time.

Analogamente il lavoratore disabile che assiste altro soggetto disabile, potrà cumulare, per i mesi di marzo e aprile 2020, i permessi a lui complessivamente spettanti (3+3+12) con lo
stesso numero di giorni di permesso fruibili per l’assistenza all’altro familiare disabile (3+3+12).

Anche lei, quindi, essendo disabile, se è titolare di legge 104 con articolo 3, comma 3, può fruire dei 12 giorni di permesso aggiuntivi che potrà scegliere se richiedere nel mese di marzo o in quello di aprile (o spalmati su entrambi i mesi).