Permessi legge 104: il preavviso indispensabile

-
29/11/2019

Permessi legge 104 di tre giorni retribuiti, il datore di lavoro deve essere avvisato in tempo utile. Alcuni chiarimenti per non commettere errori.

Permessi legge 104: il preavviso indispensabile

Permessi legge 104 di tre giorni per assistere il familiare con handicap grave ai sensi della legge 104 art. 3 comma 3. Per la fruizione il datore di lavoro deve essere avvisato in tempo, per non compromettere il buon andamento dell’attività imprenditoriale. Esaminiamo il quesito di un nostro lettore.

Permessi legge 104: giornata considerata come assenza

Carissimi, sono un lavoratore di una azienda privata metalmeccanica che lavora per …….

Usufruisco dei permessi legge 104 a causa d’infermità di mio padre. Da tempo usufruisco dei giorni preventivandoli con cospicuo tempo alla mia azienda. Ultimamente (caso unico fino ad oggi) per necessità di assistenza a mio padre dovetti mezz’ora prima dell’orario di lavoro chiamare in ufficio ed avvisare il capoturno che avrei usufruito di un giorno legge 104.

Dopo un mese, mi sono ritrovato sulla busta paga una decurtazione di una giornata di lavoro. Chiesi all’ufficio del personale e mi dissero che non avevano accolto la mia richiesta del giorno di legge 104 e per cui risultavo in assenza ingiustificata. È normale questo comportamento? Vi ringrazio se potete darmi una risposta semmai documentata da qualche atto ufficiale. La ringrazio

L’urgenza deve essere documentata

La normativa in riferimento al preavviso dei permessi legge 104, in vari comparti soprattutto del settore pubblico, dispone che la fruizione dei permessi deve seguire una programmazione mensile. Solo in alcuni casi d’urgenza è possibile entro le 24 ore precedenti il permesso comunicare l’assenza, tenendo conto che non è possibile una volta iniziato l’orario di lavoro.

Per approfondimenti consigliamo di leggere: Permessi legge 104 e comunicazione al datore di lavoro, tempi e modalità

Il comportamento dell’azienda è giustificato dal fatto che la comunicazione è avvenuta in ritardo, nel senso che non sono state rispettate le 24 ore precedenti al permesso. Inoltre, per giustificare l’urgenza di tale permesso lei avrebbe dovuto presentare al datore di lavoro un certificato giustificativo, ad esempio un certificato ospedaliero, un certificato medico, ecc.


Leggi anche: Bonus prima casa under 36: Isee, requisiti, scadenza e agevolazioni fiscali