Permessi legge 104: la comunicazione che vieta il diritto

-
10/04/2020

Bisogna fare molta attenzione alla comunicazione Inps sui permessi legge 104 art. 3 comma 3: ecco di cosa si tratta e cosa fare in questi casi.

Permessi legge 104: la comunicazione che vieta il diritto

Permessi legge 104 art. 3 comma 3, quando arriva una comunicazione Inps, come bisogna comportarsi e soprattutto che significa? Ebbene oggi analizziamo la domanda di un lettore che ci chiede il significato di una comunicazione Inps sulla fruizione dei permessi.

Permessi legge 104 art. 3 comma 3: la comunicazione

Spett. sig.ra Tortora,

la disturbo ancora per una comunicazione arrivatami, insieme alla accettazione di un congedo straordinario per assistenza disabile mi è arrivata questa comunicazione Inps “cessazione alla autorizzazione al conguaglio di giorni di permesso per assistere disabile art.33 c.3 legge 104/02”.

Significa che non posso più usufruire dei tre giorni di permesso legge 104 e che il datore di lavoro cesserà di conguagliare i medesimi giorni?

Grazie

La comunicazione di interruzione del conguaglio

Ci tengo a precisare che potete scrivere, nessun disturbo, mi dispiace solo che non riesco a rispondere tempestivamente alle vostre domande che sono tantissime e di questo vi ringrazio. In riferimento al suo quesito la risposta si trova nella circolare n. 155/2010 al paragrafo 7 .- Ambito di applicazione.

In questo paragrafo viene specificato in base alla legge 183/2020 in vigore del 24 novembre 2010, gli uffici devono esaminare le domande presentate. Le domande saranno esaminate in base alle disposizioni vigenti.

Nella circolare viene indicato che l’Inps chiede in alcuni casi specifici,  a coloro che hanno presentato domanda, di comunicare la sussistenza dei requisiti per la fruizione dei permessi legge 104.

Se non vengono inviate all’Inps le informazioni richieste,l’ente invia una comunicazione di cessazione del provvedimento di autorizzazione al conguaglio. In questi casi, il datore di lavoro non può più procedere alla corresponsione con conguaglio. 

Le consiglio di verificare presso il patronato presso qui ha fatto domanda se è pervenuta una comunicazione dell’Inps a cui non si è provveduto a dare seguito, oppure può chiedere la motivazione direttamente all’Inps. Può inviare una mail ‘Inps risponde’ o telefonare al call center 803164.

Consiglio anche di scaricare l’APP dell’INPS che permettere di tenere sempre la situazione sotto controllo.

È possibile scaricare qui l’APP: Come scaricare l’APP Inps per restare aggiornati e compiere operazioni