Permessi legge 104: quanti giorni sono ad aprile?

-
14/04/2020

Permessi legge 104 art. 3 comma 3: i 12 giorni in più si perdono se non fruiti a marzo? Come sono suddivisi? Rispondiamo alla domanda di un lettore.

Permessi legge 104: quanti giorni sono ad aprile?

I permessi legge 104 per effetto del coronavirus sono aumentati di 12 giorni solo nei mesi di marzo e aprile. L’Inps con il messaggio  n. 1281 del 20 marzo 2020 spiega le varie misure a sostegno delle famiglie e dei lavoratori, tra queste i 12 giorni di estensione riconosciuti ai lavoratori disabili e coloro che assistono un familiare con handicap grave ai sensi della legge 104 art. 3 comma 3. Tanti i dubbi su quest’estensione dei giorni, in effetti sono stati aggiunti ai 3 giorni mensili già previsti dalla legge n. 104/92 (3 per il mese di marzo e tre per il mese di aprile) ulteriori 12 giornate complessive per i mesi di marzo e aprile. Tali giorni, anche frazionabili in ore, possono essere fruiti consecutivamente nello stesso mese.

Permessi legge 104 come sono suddivisi tra marzo e aprile?

Un lettore ci chiede: Quanti giorni sono di 104 al mese di marzo e aprile? 

Il messaggio Inps  riporta: “In aggiunta ai 3 giorni mensili già previsti dalla legge n. 104/92 (3 per il mese di marzo e tre per il mese di aprile) è possibile fruire di ulteriori 12 giorni complessivi per i mesi di marzo e aprile. Tali giorni, anche frazionabili in ore, possono essere fruiti consecutivamente nello stesso mese”.

Restano i tre giorni fissi al mese in più è possibile fruire di 12 giorni in totale tra marzo e aprile. Questo significa che (3 + 6) a marzo e (3+6) ad aprile.

Per chi ha marzo non ha fatto richiesta dei permessi in più può fare richiesta ad aprile e quindi potrà richiedere (3 + 12). In effetti i dodici giorni in più si possono fruire nel mese secondo la necessità non c’è una vera ripartizione come quelli effettivi dei tre giorni. 


Leggi anche: Pensioni, la ricerca Schroders: ecco perché gli italiani sono i più preoccupati d’Europa

Permessi legge 104 e coronavirus: 4 cose che devi assolutamente sapere