Studenti con disabilità nel lavoro: ecco il progetto per l’inserimento

Ci troviamo a Mantova, dove è nato il progetto “Welfare, scuola e territorio”, il quale ha come scopo quello di “accompagnare studentesse e studenti con disabilità o disagio nell’orientamento e poi nell’inserimento nel mondo del lavoro”. Il progetto è stato promosso dalla Provincia di Mantova e finanziato dalla Fondazione Cariverona ed interessa ben quindici istituti superiori oltre che a sei centri di formazione professionale, per la durata di circa tre anni.

Le dichiarazioni

“‘Nessuno escluso’ non è solo un auspicio, ma una mission che vogliamo sia messa in pratica. Fondazione Cariverona ha premiato questa progettualità e il partenariato che la sostiene. è accompagnare studenti e studentesse con disabilità o con disagio verso il mondo del lavoro. ‘Nessuno escluso’ non è solo un auspicio, ma una mission che vogliamo sia messa in pratica. Fondazione Cariverona ha premiato questa progettualità e il partenariato che la sostiene: si tratta di una sperimentazione che vorremmo fosse utilizzata anche dopo i tre anni del progetto perché questo ci consentirebbe di creare e dare vita a una rete che vede collegate scuole, comuni e aziende”. Queste le parole di Francesca Zeltieri.

La disabilità non è più un ostacolo

Le scuole del Polo per l’Inclusione, cioè l’Istituto Superiore Bonomi Mazzolari, l’Istituto Comprensivo Margherita Hack e l’Agrario Strozzi in qualità di Centro Territoriale di Supporto, svolgono un grande ruolo. Ma ci sono anche i rappresentanti dei Piani di Zona di Asola, Ostiglia, Guidizzolo, Suzzara, Mantova e Viadana e della Camera di Commercio. I ragazzi con disabilità sono i veri protagonisti i quali saranno accompagnati nelle fasi di orientamento, di presa in carico e di inserimento nel mondo del lavoro.

I ragazzi con disabilità

Si contano, attualmente, circa 660 studenti possedenti dei certificati di disabilità nelle scuole virgiliane. Con tali dati si vuol dire che ogni anno vi sono all’incirca 160 giovani studenti con certificati per cui costruire un percorso di alternanza adeguato alle specifiche capacità ed esigenze e altrettanti giovani in uscita dal mondo della scuola che più di altri hanno bisogno di un accompagnamento mirato nelle fasi di orientamento e poi di inserimento nel mondo del lavoro.

Lo scopo del progetto

Il progetto mira ad avere un sistema integrato per la presa in carico, oltre che l’orientamento e l’accompagnato nel mondo del lavoro per i giovani con disabilità. Pertanto, si prevede di sviluppare con la creazione di banche dati integrate per la programmazione degli interventi, con protocolli di lavoro e programmazioni condivise.

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.