Un braccio fatto di Lego, David Aguilar se lo è costruito da solo

-
18/03/2018

Il 18enne David Aguilar costruisce il suo braccio mancante con i mattoncini della Lego, la sua storia.

Un braccio fatto di Lego, David Aguilar se lo è costruito da solo

Un braccio fatto di Lego, il 18enne David Aguilar, se lo è costruito da solo con i mattoncini di Lego.

I Lego i mattoncini che generazioni di bambini e ragazzi, hanno usato per costruire di tutto: case, stazioni, vere e proprie città.

David Aguilar ha pensato di costruire qualcosa di più, qualcosa di cui aveva proprio bisogno: il braccio che gli mancava.

L’ingegnoso giovane, David Aguilar, a solo 18anni, di Andorra, racconta: “Quando ero bambino, con i Lego costruivo macchine, aeroplani, moto. Ora, ho costruito un braccio”, nel video “A limb from Lego”, appena pubblicato dalla società di comunicazione “Great Big Story”. David è nato con il braccio destro non completamente sviluppato: “era abbastanza fastidioso sentire commenti del tipo “Oh, tu non hai una mano’”. Fu lui stesso a coniare il proprio soprannome, “Hand solo”.

David e il braccio mancante costruito con i mattoncini Lego

E David ad  inventare quel braccio di cui sentiva la mancanza, lo ha costruito con gli stessi mattoncini della Lego con cui trascorreva ore a giocare. L’ingegno di un ragazzo unico, voleva quel braccio che gli mancava più di ogni cosa e lo ha realizzato.

Ecco cosa racconta:  “Ho costruito la mia prima protesi quando avevo 9 anni, l’ho costruita intorno alla mia piccola mano”.

La prima costruzione non era molto resistente e non durò molto. Allora rifece il suo braccio con i  “Lego Technic”, che sono una versione più sofisticata dei tradizionali mattoncini e permettono di realizzare, in 5 giorni, un braccio più resistente, chiamato “MK1”. Ma non bastava e lo ha migliorato e David, ho sviluppato un modello evoluto “Mk2”, nel video spiega mostrando il suo nuovo arto: “Ha una batteria che funziona come un bicipite. E un cavo da pesca che si lega qui – mostra – quando lo fisso alla spalla, posso fare così e il braccio si chiude. Quando l’ho costruito, tutti erano molto stupiti che si potesse riuscire a costruire un braccio con i Lego. E’ fantastico”, assicura David, stringendo due amici in un abbraccio vero, anche se fatto (per metà) di Lego. 


Leggi anche: Censis, il rapporto del 2020 su consumi, ricchezza, società e sussidi di welfare: l’effetto del coronavirus

Leggi anche: Disabilità: l’artista Clara Woods, parla attraverso i suoi dipinti

Fonte: Superabile