Visita medica straordinaria obbligatoria: i soggetti che devono farla, le novità dell’ultima ora

-
03/07/2020

Visita medica straordinaria prima di andare a lavoro, le ultime novità contenute nel decreto Rilancio. I datori di lavoro devono nominare un medico o possono fare richiesta all’Inail, ecco i soggetti interessati.

Visita medica straordinaria obbligatoria: i soggetti che devono farla, le novità dell’ultima ora

Visita medica straordinaria post Covid-19 i soggetti obbligato sono quelli maggiormente esposti al rischio contagio che hanno immunodeficienze per malattie croniche, immunodepressione correlata alla terapia salvavita, i soggetti con patologie oncologiche. Coloro che sono fortemente a rischio di contagio da Covid-19 devono effettuare una visita medica straordinaria di indoneità al lavoro prima di poter tornare in azienda. 

Visita medica straordinaria obbligatoria

A prevede questa misura è l’articolo 83 del decreto legge denominato “Rilancio”. Chiamati ad assicurare maggiore tutela e sorveglianza tutti i datori di lavoro, del settore pubblico e privato. 

Il datore di lavoro deve nominare un medico per la sorveglianza eccezionale, che consiste nella visita medica straordinaria d’idoneità lavorativa. La visita oltre e dal medico del datore di lavoro, può essere richiesta anche dall’Inail che provvede con i propri medici del lavoro preso le strutture apposite. La richiesta di visita medica straordinaria è entrata in vigore dal 1° luglio è può essere richiesta online sul portale Inail al costo di euro 50,85 a visita. 

Visita fiscale: esonero delle fasce di reperibilità per invalidità al 67%

Sorveglianza eccezionale

Si tratta di una misura di sicurezza sul lavoro, in aggiunta a quanto già predisposto dalle varie misure inserite per la ripresa e per lo svolgimento delle attività lavorative. 

La norma tutela i lavoratori maggiormente esposti al rischio di contagio, considerati lavoratori “fragili”. 

La sorveglianza eccezionale è garantita dal medico competente in ogni azienda, con la nomina obbligatoria ai sensi dell’articolo 18 dlgs 81/2018. In caso contrario il datore di lavoro ha due possibilità: può nominare un medico competente per tutto il periodo di emergenza, oppure, chiedere all’Inali la visita medica straordinaria. La richiesta si può inviare tramite il servizio online e dal datore di lavoro o da un suo delegato con credenziali dispositive: Pin Inail, CNS – Carta nazionale dei servizi  – Spid – Pin Inps. 


Leggi anche: Spid, l’Agenzia delle Entrate rottama le password dall1/10

Il medico predisposto alla visita medica straordinaria, alla fine della visita dovrà rilasciare parere positivo o negativo del rientro al lavoro del dipendente. Il giudizio di idoneità negativo non può giustificare un eventuale licenziamento del lavoratore da parte del datore di lavoro. 

Il costo della visita tramite Inail è di euro 50,85, l’ente dopo la visita invierà la fattura al datore di lavoro.