Dj Fabo: Marco Cappato rischia da 5 a 12 anni per aiuto al suicidio

La decisione per la sorte di Marco Cappato sarà presa dalla Corte Costituzionale il prossimo 23 ottobre, ma il leader radicale rischia da 5 a 12 anni di carcere.

La data dell’udienza di Marco Cappato davanti alla Corte Costituzionale è stata fissata per il 23 ottobre e in quella data i giudici decideranno se il reato di aiuto al suicidio è imputabile al tesoriere dell’associazione Luca Coscioni per aver accompagnato in Svizzera Fabio Antoniani, Dj Fabo, per morire. Dj Fabo, infatti, tetraplegico, e cieco a seguito di un incidente di auto si era rivolto all’Associazione per essere aiutato a raggiungere la Svizzera dove poter fare la fine dignitosa che agognava.

Alla fine dello stesso anni si svolse il viaggio verso la Svizzera e subito dopo Marco Cappato si denuncio alla magistratura e proprio per questo rischia una condanna dai 5 ai 12 anni di carcere.

Al processo in Corte di Assise il pubblico ministero non chiese la sua condanna motivando “Se Fabiano avesse avuto anche solo trenta secondi per potersi muovere liberamente, avrebbe messo fine alle sue sofferenze da solo, rimpossessandosi così del suo diritto alla dignità”.

La questione, però riguarda chi compie l’atto di aiutare una persona a morire e proprio per questo Cappato rischia di essere incarcerato.

Leggi anche: Dj Fabo: il processo di Cappato passa alla Consulta, valuterà il reato di “aiuto e diritto a morire”

Dj Fabo, il governo si costituisce davanti alla Consulta, a favore della legge contro l’aiuto al suicidio

 

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062

Redazione

Notizie scritte dalla redazione di cronaca, notizie, salute, viaggi, gastronomia e musica di NotizieOra.