Donna senegalese perde il lavoro, per colpa del colore della pelle

Donna senegalese perde il lavoro, gli assistiti non la vogliono per il colore della pelle, l’ennesimo caso di razzismo.

Un altro episodio di razzismo, questa volta è toccato ad una donna di 40 anni. Lavorava in una casa di riposo, e dopo le numerose lamentele degli anziani, gli viene negato il contratto di lavoro.

Senigallia, una donna di origini senegalesi, vittima del razzismo

Siamo nel 2018, ed ancora si parla di razzismo, odio verso le persone di colore. Alcuni anziani della casa di riposo dove lavorava la donna, si sono lamentate che non volevano la donna 40 enne che lavorasse li.

Fatima Sy, dopo alcuni giorni di prova, come operatrice socio sanitaria nella casa di riposo a Senigallia, non ha potuto beneficiare di un contratto di lavoro. Gli anziani non voleva la donna, la discriminavano e umiliavano, perché è nera.

Fatima Sy, mamma di due bambini che attualmente si trovano in Senegal, ha visto spolverare il suo sogno. Perdere il lavoro di operatrice socio sanitaria, per colpa del suo colore della pelle.

Faceva bene il suo lavoro, ma il responsabile della casa di cura per gli anziani, si è trovato in grande difficoltà, quando ha dovuto rinnovare il contratto di lavoro per la donna.

Ennesimo caso di razzismo

Sembrerebbe che le continue lamentele di alcuni anziani, hanno messo in grande difficoltà il direttore che doveva scegliere tra fare il contratto alla 40 enne oppure accontentare i clienti.

Adesso si cerca disperatamente di inserire la donna in un ambiente meno ostile, e di dare a lei, il contratto di lavoro a cui sperava tanto.

Probabilmente, questo lavoro era la sua unica soluzione, per poter portare i propri figli dal Senegal.

La donna senegalese, era residente in città da circa 15 anni.

Ha avuto anche altre esperienze lavorative in Italia e anche nel paese, ma nonostante questo è stata vittima di razzismo pesante da parte degli anziani della casa di cura di Senigallia. Sembrerebbe che per la donna questo lavoro è il terzo, perso negli ultimi mesi. Com’è possibile ancora tanto odio verso le persone di colore?

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.