Dossier segreto Gb: ‘il Coronavirus potrebbe durare un anno’

Il Guardian ha svelato un dossie segereto Gb in cui si ritiene che il virus possa durare per un anno, che potrebbe rallentare in estate ma tornare a novembre.

C’è chi dice che il Coronavirus potrebbe durare fino all’estate, chi ritiene che è solo questione di qualche mese, chi addirittura suppone che potrebbe finire di qui a qualche giorno. Insomma, ognuno fa le proprie scommesse e nemmeno chi lavora con e per i contagiati è in grado di dare una risposta certa a un tale quesito. Sicuramente, fondamentali saranno le prossime due settimane, e da quel momento in poi si potrà stabilire se continuare o meno con la quarantena. Un particolare dossier segreto del Public Health England (PHE)  ritiene che il virus potrebbe durare addirittura un anno.

Per un dossier segreto Gb il Coronavirus potrebbe durare un anno

A fare questa scoperta è stato il giornale Guardian: all’interno di questo dossier si ritiene che l’epidemia potrebbe durare un anno interno e che potrebbe far ricoverare 7,9 milioni persone.

Il capo consigliere medico del governo inglese, tale Chris Whitty, è arrivato a questa cifra di persone che potrebbero ritrovarsi ricoverate nei diversi ospedali inglesi.

Sempre all’interno di tale dossier viene detto che obbligatoriamente, secondo una stima, quattro cittadini su cinque contrarranno il virus.

Inoltre, si prevede che circa l’80% della popolazione inglese verrà infettata dal Coronavirus nei prossimi 12 mesi a venire. Solo il 15%, poi, verrebbe ricoverata nei diversi ospedali.

Per Whitty sono decisive le prossime 10-14 settimane, giorni in cui i contagi e le vittime potrebbero salire ulteriormente. Si stima, poi, un tasso di mortalità pari al 0,6% che sarebbe l’equivalente di 318.660 morti.

Se invece tale tasso salisse all’1%, i morti aumenterebbero e sarebbero pari a 531.100 decessi.

Infine, si ritiene che il virus potrebbe dimininuire in estate, soprattutto verso la fine di giugno, ma che potrebbe sicuramente ritornare nel mese di novembre.

Paul Hunter, il quale svolge il ruolo di pofessore di medicina presso l’Università dell’East Anglia ritiene che il virus resterà con noi per sempre, ma che diventerà meno grave col passare del tempo, grazie all’aumento dell’immunità.

 

Leggi anche:

Coronavirus: il positivo più giovane al mondo è nel Regno Unito


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.