Ecco come stare meglio in un mondo sempre più caldo, di cosa si tratta?

nuovi sistemi per stare meglio e proteggersi dal caldo

I sistemi di climatizzazione che mantengono le case, gli uffici e i negozi freschi nei giorni caldi stanno rapidamente guadagnando popolarità in un mondo di riscaldamento. Ma tutta l’elettricità extra che usano esacerba i cambiamenti climatici è in grado di progettarne l’efficienza?

Ecco il modo migliore per stare bene  in un mondo sempre più caldo

Il mondo sta diventando più caldo, infatti 16 dei 17 anni più caldi mai registrati si sono verificati dal 2001, dicono i climatologi.

Non c’è da meravigliarsi se la domanda di sistemi di condizionamento dell’aria sta attraversando il tetto.

L’energia che consumano rischia di triplicare da qui al 2050, afferma l’Agenzia internazionale per l’energia (IEA).

Ciò significherebbe che entro il 2050, i condizionatori d’aria del mondo useranno l’attuale capacità elettrica degli Stati Uniti, dell’Unione europea e del Giappone messi insieme.

Così gli scienziati e le aziende tecnologiche stanno cercando di rendere i sistemi di raffreddamento più efficienti.

I ricercatori della Stanford University, ad esempio, hanno sviluppato un sistema che utilizza materiali all’avanguardia e “nano-fotonica“.

Hanno inventato un materiale sottilissimo e altamente riflettente che irradia calore anche alla luce solare diretta. L’energia termica a infrarossi viene irradiata a una lunghezza d’onda che scivola attraverso l’atmosfera terrestre nello spazio, piuttosto che essere assorbita da esso.

Nei test, i ricercatori hanno scoperto che potrebbe essere utilizzato per raffreddare l’acqua che scorre attraverso i tubi sotto i pannelli del materiale. Quell’acqua, raffreddata in media a pochi gradi più in basso della temperatura dell’aria esterna, potrebbe quindi essere utilizzata per raffreddare un edificio.

E questo è ottenuto senza elettricità.

I ricercatori hanno creato SkyCool Systems per provare a commercializzare la tecnologia.

“Sarebbe ragionevole aspettarsi che i futuri condizionatori d’aria potrebbero essere il doppio rispetto a quello che stiamo vedendo ora”, afferma Danny Parker presso il centro di energia solare dell’Università della Florida centrale.

Parker ei suoi colleghi hanno passato anni a cercare modi per rendere più efficienti i condizionatori d’aria e i sistemi di riscaldamento.

Nel 2016, ad esempio, hanno scoperto che i dispositivi raffreddati attraverso l’evaporazione dell’acqua potevano essere collegati alle tradizionali unità di condizionamento dell’aria per fornire un’alimentazione più fresca dell’aria.

Ciò significava che le unità convenzionali non dovevano lavorare così duramente per abbassare la temperatura dell’aria in entrata. Hanno calcolato che tali sistemi potrebbero migliorare l’efficienza di raffreddamento in molti climi europei tra il 30% e il 50%.

Il gigante tecnologico Samsung ha sviluppato una tecnologia “senza vento” che spinge delicatamente l’aria fredda in una stanza, una volta raggiunta la temperatura desiderata, senza la necessità che i fan affamati di energia lo soffino costantemente ad alte velocità.

L’azienda afferma che questo è il 32% più efficiente dei condizionatori d’aria convenzionali.

Esistono già molti condizionatori d’aria ragionevolmente efficienti sul mercato, compresi i modelli che fanno uso di semplici dispositivi chiamati inverter.

Questi regolano l’intensità del raffreddamento in base alle letture del sensore della temperatura dell’aria vicina. Possono funzionare costantemente, ma a bassi livelli.

Nel corso del tempo, ciò è spesso più efficiente di un condizionatore d’aria più semplice che funziona alla stessa velocità e deve continuare ad accendersi e spegnersi per mantenere la giusta temperatura.

“Quando non funzionano a pieno regime, funzionano in modo molto efficiente”, afferma Parker.

Molte persone nel mondo in via di sviluppo potrebbero non voler spendere i soldi extra per ottenere condizionatori d’aria con inverter, ma se lo facessero, ciò farebbe la differenza in termini di come l’aumento della quantità di energia di nuovi dispositivi si accumulasse nel tempo, dice il Brian Motherway di IEA.

“Si tratta in realtà di assicurarsi che le persone siano spinte verso l’acquisto di quelle più efficienti”, dice.

Potrebbe comunque essere una dura vendita in posti come la Cina, però, dice Iain Staffell, esperto di energia all’Imperial College di Londra.

“Le persone vogliono l’unità più economica possibile e non sono così preoccupate dei costi correnti dell’elettricità, perché l’elettricità in Cina è così a buon mercato”, dice.

Tuttavia, i gruppi energetici del paese hanno lanciato un programma all’inizio di quest’anno per migliorare gli standard di efficienza e l’etichettatura dei prodotti sul mercato.

La semplice gestione dei nostri condizionatori d’aria esistenti in modo più efficace potrebbe far risparmiare un sacco di energia.

Ad esempio, lo “Smart AC Control” di Tado è un telecomando collegato all’app che spegne automaticamente i condizionatori d’aria quando le persone lasciano la stanza. Modifica anche il tasso di raffreddamento in risposta alle previsioni del tempo online.

Una gestione migliore come questa può ridurre il consumo di energia del 40%, afferma Tado.

Certamente, l’aumento della domanda di sistemi di condizionamento dell’aria non sarebbe così importante se tutta l’elettricità che consumavano fosse generata da fonti rinnovabili.

Ma questo è improbabile, nonostante il rapido progresso delle rinnovabili in molti paesi.

“Abbiamo notato che la domanda di elettricità per il raffreddamento, l’aria condizionata nelle case e negli edifici, stava iniziando a crescere abbastanza rapidamente”, afferma Mr Motherway.

Questo non solo perché le temperature stavano aumentando, ma anche perché i redditi aumentavano, in quei paesi che molto probabilmente sarebbero stati colpiti dal riscaldamento globale, dice.

Cina, India e Indonesia rappresenteranno la metà di tutta la crescita futura prevista in quest’area nei prossimi 30 anni.

Per essere sempre aggiornati, seguiteci su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp al numero +39 3515397062

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.