Ecobonus 100%: lo sconto sulla porta d’ingresso, novità decreto Rilancio

Con l’ecobonus 100% si potrà acquistare la porta d’ingresso? I costi di sostituzione e installazione rientrano nel bonus?

Nella bozza del decreto Rilancio è presente l’ecobonus al 100%. Nel caso venisse approvato dalla maggioranza di Governo, avrebbe impatto decisivo per il settore edile. Risulterebbe una scossa che punterebbe rilanciare gli interventi dei privati nel settore edile, quindi generale lavoro. è possibile che le spese di sostituzione e installazione della porta d’ingresso rientrino nel bonus. Il che produrrebbe uno sconto decisivo sulla fattura di acquisto. A parità di costi, sostituire la porta di ingresso con una blindata, effettuando un acquisto che punti verso un modello sicuro, funzionati e dal design sorprendente, risulterebbe un acquisto in forma gratis o quasi.

Sarà approvato l’Ecobonus 2020 al 100%?

Nella bozza del decreto Rilancio è previsto l’ecobonus e il sisma bonus, misure tutt’ora al vaglio del Governo. Nello specifico, i provvedimenti dovrebbero immettersi nell’ambiente incoraggiando i lavori rivolti all’efficienza energetica e diminuzione del rischio sismico, tra gli interventi troviamo:

– l’agevolazione potrà essere utilizzata per l’installazione di opere dirette all’isolamento termico;
– previsto il bonus per la surroga delle caldaie con pompe di calore o condensazione;
– interventi diretti alla salvaguardia dell’attività sismica;
– restauro degli immobili e così via.

Per cambiare la porta d’ingresso, si può utilizzare solo l’agevolazione ecobonus?

Secondo Enea, il contribuente per i costi relativi alla sostituzione e installazione della porta di ingresso può accedere all’ecobonus, specie se la porta in questione abbia la funzione non solo di chiudere, ma anche proteggere e contenere l’ambiente nella fase di riscaldamento. Così come previsto nella Legge n. 296/2006.

Per beneficiare dell’ecobonus, il contribuente dovrà scegliere una porta che risponda ai requisiti previsti dalle norme sulla trasmittanza termica stabilita nel caso di scambio degli infissi. Inoltre, previsto l’adeguamento dell’impianto di riscaldamento sull’abitazione su cui sarà sostituita la porta.

Cosa cambia con il bonus ristrutturazione?

Per accedere al bonus in questione, è necessario che il contribuente proceda con il montaggio di sana pianta la porta d’ingresso. Al fine di rendere la casa sicura, escludendo l’eventualità d’interventi prodotti da malfattori al solo scopo di perseguire atti illeciti e violazioni, ossia rapinare. Nello stesso tempo, è bene sapere che la porta d’ingresso rientra nel bonus mobile, qualora il contribuente esegua i lavori di ristrutturazione dell’immobile.

Per ulteriori informazioni sull’ecobonus 100% dovremo attendere che giungano notizie ufficiali. Per il momento, possiamo anticipare che potrebbe risultare una misura extra vantaggiosa. Tuttavia, dipende da come il Governo intendere procedere con l’incremento delle detrazioni per l’ecobonus, se si fermerà al 100% o preveda di raggiungere il 120%.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Antonella Tortora

Analista Contabile, collaborato con diversi quotidiani online. Adoro scrivere, ogni notizia è degna di essere vissuta, raccontata, con cuore, emozione, passione. Raccontarle serve a renderle uniche, se non raccontate finirebbero nel labirinto del dimenticatoio. Resta un'unica verità ogni storia incorpora una piccola parte di me, che emerge in un angolino nascosto. Citazione preferita: “Il valore di una persona risiede in ciò che è capace di dare e non in ciò che è capace di prendere.” Albert Einstein