Anagrafe digitale al via da oggi 15 novembre con i certificati gratis

-
15/11/2021

Anagrafe digitale al via da oggi 15 novembre con i certificati gratis

Anagrafe digitale nazionale pronta all’uso. Entra infatti in funzione oggi 15 novembre 2021 il nuovo servizio della pubblica amministrazione che permetterà di scaricare 14 certificati senza doversi recare fisicamente presso gli uffici del proprio Comune di residenza e senza costi. Il nuovi certificati anagrafici digitali sono infatti richiedibili in maniera autonoma, oltre che gratis, tramite la piattaforma https://www.anagrafenazionale.interno.it/.

Il meccanismo di funzionamento del nuovo sistema è stato spiegato all’interno di una nota pubblicata dal Ministero dell’innovazione tecnologica. Nel testo si specifica che è possibile scaricare senza la necessità di un intervento da parte dell’amministrazione pubblica numerosi certificati riguardanti se stessi oppure un membro della propria famiglia.

Anagrafe digitale e certificati emessi: quali sono i documenti che è possibile richiedere

Dal punto di vista pratico, l’elenco dei certificati che è possibile ottenere in autonomia tramite il sito dell’anagrafe digitale è numeroso. Si va dal certificato anagrafico di nascita a quello di matrimonio. È possibile richiedere anche la conferma della cittadinanza, dell’esistenza in vita, della residenza (italiana o estera), dello stato civile o di famiglia.


Leggi anche: Fondo imprese in difficoltà: domande in riapertura

Tra i vari certificati c’è poi quello di convivenza. Di famiglia Aire e di famiglia con rapporti di parentela. Di Stato Libero, di Unione civile e di convivenza. Si tratta quindi di molti documenti che possono risultare essenziali per assolvere ad adempimenti amministrativi e che in precedenza richiedevano necessariamente di recarsi presso un ufficio pubblico, oltre che di pagare il bollo.

Le novità legate alla visualizzazione dei certificati digitali

La vera novità consiste quindi nella digitalizzazione del sistema di assistenza normalmente fornito al cittadino dalla pubblica amministrazione. I certificati appena elencati possono infatti essere visualizzati singolarmente o tutti insieme. In precedenza, l’emissione di certificati online dipendeva dal singolo Comune, che poteva scegliere come e cosa implementare tramite il servizio digitale.

Il nuovo sistema dell’Anpr consentirà di eliminare le differenze esistenti tra gli oltre 7800 Comuni italiani, garantendo un servizio fondamentale anche per i cittadini iscritti all’Aire e che hanno preso la residenza all’estero.  L’archivio digitale prevede infatti l’integrazione con i diversi database della pubblica amministrazione, in modo da poter diventare una vera e propria chiave di semplificazione per i cittadini.

Come utilizzare il nuovo servizio dell’anagrafe digitale: le informazioni per accedere

Per utilizzare il nuovo servizio dell’anagrafe digitale è indispensabile essere in possesso di una delle chiavi di accesso utilizzate per il riconoscimento dell’identità nella PA. I cittadini dovranno quindi recarsi sul sito dell’Anpr e cliccare sulla sezione “servizi al cittadino”. Successivamente, sarà possibile eseguire il login tramite Spid, CIE (carta di identità elettronica) oppure CNS (carta nazionale dei servizi).


Potrebbe interessarti: Imu seconda rata: scadenza del 16/12, esenzioni e riduzioni

Ricordiamo che le stesse modalità di riconoscimento sono vincolanti dallo scorso 1° ottobre 2021 per usufruire di altri servizi della pubblica amministrazione. Si pensi ad esempio alla possibilità di entrare nella propria area riservata del sito Inps oppure dell’Agenzia delle Entrate. I certificati ottenuti tramite il nuovo sistema hanno lo stesso valore di quelli emessi allo sportello, anche se risultano esentati dall’applicazione del bollo.

Cosa offre il nuovo servizio garantito dall’Anpr

Grazie al servizio digitale offerto dall’Anpr, sarà possibile visualizzare a schermo i singoli certificati, nonché salvarli in formato PDF e procedere quindi alla stampa cartacea degli stessi. Il sistema integrato sarà però utile anche alle amministrazioni italiane, perché diventa un vero e proprio riferimento per l’integrazione dei dati e delle informazioni anagrafiche.

L’anagrafe nazionale unica consentirà infatti anche di registrare in modo efficiente ogni variazione sullo stato dei cittadini. La stessa banca dati è infatti accessibile e consultabile con immediatezza dall’Agenzia delle Entrate, dall’Inps e dalla Motorizzazione Civile. Al fine di inaugurare il servizio nella giornata di ieri il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha effettuato l’anteprima, il download e la stampa del proprio certificato anagrafico.