Bonus collaboratori sportivi 2021 del governo Draghi, ultime notizie: c’è tempo fino al 27 aprile

-
26/04/2021

Per richiedere il bonus collaboratori sportivi resta poco tempo. Le domande possono essere inviate fino al 27 aprile 2021. Come richiedere l’indennità e quando arriveranno i soldi.

Bonus collaboratori sportivi 2021 del governo Draghi, ultime notizie: c’è tempo fino al 27 aprile

Le domande relative al bonus collaboratori sportivi 2021 potranno essere inoltrate ancora per pochissimo tempo. Grazie alla riapertura dei termini, sarà infatti possibile procedere con l’invio della pratica entro domani 27 aprile 2021. Ricordiamo che l’indennità erogata dal governo Draghi rappresenta una vera e propria boccata di ossigeno per tantissimi professionisti del settore.

Sono infatti più di 150mila i potenziali collaboratori sportivi che hanno già ricevuto nella scorsa settimana il bonus relativo al primo trimestre dell’anno. La recente riapertura dei termini ha però concesso più tempo al fine di inoltrare la propria domanda. L’esecutivo punta così a rendere la platea ancora più inclusiva. Coloro che possiedono i requisiti di legge e che non hanno ancora provveduto alla richiesta di erogazione si trovano ora davanti all’ultima finestra utile.


Leggi anche: Pensioni anticipate e quota 41 per i precoci: i requisiti a oggi, ma l’allargamento nel 2022 è a rischio

Bonus collaboratori sportivi 2021: ultime ore per ottenere l’indennità prevista dal governo Draghi

A confermare la possibilità di inoltrare la richiesta di accesso al bonus c’è una comunicazione ufficiale resa disponibile all’interno del sito di Sport e Salute Spa. Nel testo si fa esplicito riferimento all’indennità erogata per i mesi di gennaio, febbraio e marzo 2021. La scadenza dei termini al prossimo 27/04 può essere utilizzata da “tutti quei richiedenti che per i più disparati motivi non sono riusciti a confermare di avere i requisiti” oppure a esprimere la propria rinuncia.

Ricordiamo che l’indennità può essere richiesta da tutti quei collaboratori sportivi che hanno ridotto, sospeso o cessato del tutto la propria attività professionale da gennaio a marzo 2021 per via della diffusione del coronavirus e delle conseguenti misure restrittive decise dal governo. Ovviamente, risulta motivo di esclusione la percezione di un’altra indennità di welfare.

Non potranno quindi ottenere l’indennità coloro che percepiscono il reddito di cittadinanza, di emergenza o altre misure di welfare e previdenziali erogate dall’Inps. Resta escluso dal precedente novero l’assegno di invalidità, che può essere percepito in contemporanea con il bonus collaboratori.


Potrebbe interessarti: Bonus collaboratori sportivi 2021, pagamenti e indennità in arrivo: cos’è e come funziona

Per il bonus collaboratori sportivi 2021 è fondamentale controllare la propria casella email

Rispetto al quadro appena evidenziato, è importante ricordare che i potenziali percettori dell’indennità dovranno controllare con attenzione la propria casella di posta elettronica. Sport e Salute ha infatti provveduto a inviare una nuova comunicazione tramite email a tutti i lavoratori che hanno già percepito un’indennità nel recente passato e che presentano delle incongruenze nella propria posizione.

Tramite la mail sarà possibile reperire tutte le informazioni utili per procedere con la conferma del possesso dei requisiti utili a percepire il bonus collaboratori 2021. In caso contrario, sarà necessario esplicitare la rinuncia alla percezione dell’indennità. Qualora il potenziale beneficiario non fornirà una risposta utile entro la mezzanotte del 27 aprile 2021, perderà la possibilità di ottenere l’erogazione automatica dell’indennità.

Entrando nella propria area riservata del sito Sport e Salute Spa risulta comunque possibile verificare tutti i dati relativi al beneficiario. Ricordiamo che in base ai redditi percepiti nel 2019 viene erogato un bonus che va da 1200 euro a un massimo di 3600 euro. I tempi di erogazione per le nuove domande restano abbastanza ristretti, stante che la maggior parte delle erogazioni sono avvenute a partire dallo scorso 16 aprile 2021 (il decreto istitutivo risale allo scorso 6 aprile). Infine, per chi desiderasse ottenere supporto telefonico all’utilizzo della piattaforma è possibile utilizzare il numero 0632722020.