Cambio dell’ora, dalla legale alla solare: quando spostare l’orologio

-
27/10/2021

Cambio dell’ora, dalla legale alla solare: quando spostare l’orologio

Cambio dell’ora in vista per l’aggiornamento che avviene come di consueto in autunno. A partire da domenica 31 ottobre sarà infatti necessario tirare indietro le lancette del proprio orologio di un’ora (60 minuti), visto che nella notte di sabato 30 ottobre avverrà il passaggio dall’ora legale a quella solare.

L’ora esatta nella quale si concretizzerà il cambio di orario è alle ore 3h00. A quel punto, gli orologi che si allineano automaticamente all’orario in corso grazie a internet torneranno alle ore 2h00. Il passaggio dall’ora legale a quella solare è generalmente apprezzato dalle persone per il fatto di consentire un’ora in più di riposo.

Allo stesso tempo, per molti si tratta di un cambio poco felice per via del fatto che la sera farà buio un’ora prima. Il tutto, ovviamente, in cambio di 60 minuti in più di luce la mattina.


Leggi anche: Fondo imprese in difficoltà: domande in riapertura

Quando cambia l’ora il prossimo 31 ottobre 2021

Come già anticipato, il cambiamento dell’orario vero e proprio avverrà nel corso della notte tra sabato 30 ottobre e domenica 31 ottobre 2021. Per mantenere i propri orologi e le sveglie aggiornate sarà necessario tirare indietro l’orologio di un’ora dalle ore 3h00 alle ore 2h00. Particolare attenzione dovrà essere prestata da coloro che lavorano su turni.

È importante inoltre ricordare che l’ora solare resterà in vigore fino alla primavera del prossimo anno. In particolare, il prossimo passaggio (con il ritorno all’ora legale) scatterà tra sabato 26 marzo e domenica 27 marzo 2022.

Cosa succede con l’arrivo dell’ora solare e perché c’è il cambio dell’ora

Come già anticipato, il passaggio all’ora solare ci permetterà di dormire un’ora in più nella giornata di domenica 31 ottobre 2021. Ovviamente, l’impatto avrà conseguenze anche sulla giornata. In particolare, avremo a disposizione più luce durante la mattina. La sera avverrà il contrario, pertanto il sole tramonterà con un’ora di anticipo rispetto a quanto avvenuto nei precedenti giorni di ottobre.


Potrebbe interessarti: Imu seconda rata: scadenza del 16/12, esenzioni e riduzioni

Il principale motivo per il quale avviene questo passaggio orario è il conseguimento di un risparmio energetico. In particolare, l’ora legale è finalizzata a sfruttare le ore di luce in più che altrimenti andrebbero sprecate per via delle abitudini. L’idea è quindi di sfruttare al meglio l’irradiazione del sole durante il periodo estivo, per ritornare durante l’inverno al proprio fuso orario di riferimento.

Cosa fare con il cambio dell’ora del prossimo 31 ottobre 2021

Durante il passaggio dall’ora solare a quella legale è fondamentale ricordarsi di aggiornare tutti gli orologi. I dispositivi elettronici presenti in casa, se collegati al web, effettueranno l’aggiornamento in automatico. È quello che avviene, ad esempio, per computer, smartphone o smartwatch.

Gli orologi tradizionali e gli strumenti di tipo analogico andranno aggiornati manualmente. La stessa procedura dovrà essere eseguita per tutti gli orologi digitali che però non beneficiano di un collegamento al web.

Le proposte di riforma del passaggio di orario in Unione Europea e in Gran Bretagna

È interessante notare che il dibattito sul passaggio dall’ora legale all’ora solare è ancora oggi aperto. All’interno dell’Unione Europea il Parlamento UE ha infatti proposto il passaggio definitivo all’ora legale, lasciando però a ogni Paese la decisione di scegliere quale dei due orari mantenere. Alcune nazioni potrebbero quindi decidere di adottare in via definitiva anche l’ora solare.

La discussione è però ancora aperta, perché finora non è stato raggiunto un accordo presso il Consiglio Europeo. Nel Regno Unito dopo l’uscita dall’Unione Europea avvenuta lo scorso 31 gennaio 2020 si sta dibattendo in merito all’adozione dell’ora legale. In tale contesto pesa il nodo dell’Irlanda del Nord e la scelta su come procedere richiederà tempo.

Nel mondo vi sono poi Paesi che adottano per ragioni politiche l’ora legale e che hanno quindi scelto di sospendere l’ora solare per tutto l’anno. Il cambio dell’ora è poco o del tutto inutilizzato in molti Stati del sud America, dell’Africa e dell’Asia. Mentre risulta uno standard nell’America del Nord e in Europa.