Cashback di Stato, come funziona l’aggiornamento dell’App IO: oltre al bancomat, ok ai pagamenti con tessera Coop ed Esselunga

-
26/03/2021

Cashback 2021, con l’aggiornamento dell’App Io arrivano importanti novità. Diventa possibile pagare anche con la tessera del supermercato, oltre che con bancomat e carte di credito. Le informazioni pratiche su cosa cambia.

Cashback di Stato, come funziona l’aggiornamento dell’App IO: oltre al bancomat, ok ai pagamenti con tessera Coop ed Esselunga

Il cashback continua a restare sotto i riflettori dei media. Nelle ultime ore è arrivato un nuovo aggiornamento dell’App IO e  l’applicazione introduce funzionalità importanti. D’altra parte, gli ultimi aggiornamenti statistici in merito al concorso hanno rivelato l’adesione e il sostegno di moltissimi cittadini. Oltre alle iscrizioni crescenti il concorso ha registrato un maggiore ricorso ai mezzi di pagamento elettronici, mentre i comportamenti scorretti sono confermati come marginali.

Nel frattempo l’applicazione IO continua ad affinare le proprie funzionalità. In particolare, in questi giorni è stata aggiunta la possibilità di inserire all’interno del proprio portafoglio anche le carte di pagamento di alcuni supermercati della GDO. Il riferimento va alle tessere che permettono sia di accumulare punti nei programmi fedeltà, sia di effettuare transazioni. Molte di queste carte permettono inoltre di beneficiare di sconti e offerte promozionali che non risultano accessibili alla clientela ordinaria.


Leggi anche: Bonus auto 2021, il Senato approva il rifinanziamento degli incentivi per 350 milioni

Cashback 2021: le novità di marzo vedono arrivare le carte di pagamento dei supermercati

L’aggiunta delle tessere dei supermercati al portafoglio degli strumenti riconducibili al cashback è importante perché rappresenta un passaggio atteso. In precedenza molti acquirenti erano chiamati a decidere se ottenere i benefici delle tessere fedeltà o quelli del cashback, non potendo impiegare entrambe le formule per il pagamento. Si trattava di un blocco che di fatto andava a discapito del meccanismo di funzionamento del concorso, visto che le transazioni perse non potevano essere recuperate in altro modo.

Ora si è posto finalmente termine al problema, permettendo l’inserimento delle prime tessere promozionali di pagamento. In particolare, al momento è possibile pagare tramite la Fidaty Oro di Esselunga, la Supercard di Coop e la Più Conad Card di Conad. Ma in un prossimo futuro potrebbero arrivare anche le carte dei supermercati di altri circuiti, visto che il riconoscimento dei primi meccanismi di pagamento – fedeltà farà con elevata probabilità da apripista agli altri circuiti.


Potrebbe interessarti: Pensioni, pagamento anticipato di agosto 2021 dal 27/7: il calendario e le informazioni da conoscere

In questo senso, per i partecipanti al cashback di Stato resta opportuna una precisazione. Il riferimento va espressamente alle carte che possiedono anche funzioni di pagamento dei supermercati e non alle semplici carte brandizzate per la raccolta dei punti. Quest’ultime, non consentendo di registrare una transazione elettronica di denaro, non possono essere considerate valide al fine di partecipare al concorso.

Cashback, milioni di utenti già attivi: crescono gli aderenti al concorso

Tenendo a mente quanto appena evidenziato, il concorso cashback sembra improntato a diventare un vero e proprio punto di riferimento per il contrasto al nero e per accelerare il ricorso alle transazioni elettroniche. Nonostante i dubbi iniziali e le critiche emerse da una parte della politica, al momento i dati in possesso del Mef hanno confermato la bontà dell’iniziativa. Dal Ministero sono emersi trend incoraggianti.

Il programma cashback sta portando ad un incremento delle transazioni su POS fisici in Italia, anche per i pagamenti di importo ridotto. Attualmente quasi il 60% delle transazioni effettuate dagli iscritti è al di sotto di 25 euro. I micro pagamenti in contanti hanno subito un forte incremento. Oltre a ciò, i partecipanti al programma di rimborso sono passati dai 6,7 milioni di dicembre 2020 ai 9,7 milioni di febbraio 2021 (con un incremento mensile del 20%). Mentre i pagamenti anomali (dei cosiddetti furbetti) si attestano ad appena lo 0,2% delle transazioni complessive.