Cashback e supercashback, come funziona la classifica e quando si riparte

-
01/09/2021

Per il cashback e supercashback sono scaduti i termini utili per presentare reclamo. I cittadini che hanno aderito al concorso hanno ormai ricevuto i pagamenti ordinari. Ecco le informazioni su quando arriverà il super premio finale e quando ripartirà il concorso.

Cashback e supercashback, come funziona la classifica e quando si riparte

Cashback e supercashback sono giunti al momento della verità per quanto concerne i pagamenti. Nella giornata dello scorso 29 agosto 2021 sono scaduti i termini utili per presentare reclamo. Il riferimento va al bonus da 150 euro e a eventuali irregolarità nell’accredito delle transazioni. Ricordiamo che quest’ultime sono state registrate in favore di chi ha scelto di aderire al programma a partire dallo scorso 1° gennaio e fino al 30 giugno 2021.

I pagamenti per coloro che hanno maturato il cashback ordinario da 150 euro sono terminati nel mese di agosto 2021. Con la giornata di ieri si è conclusa quindi la prima tornata di accrediti. Il rimborso massimo per ogni singola transazione corrispondeva a 15 euro, mentre il premio complessivo aveva un tetto di 150 euro. Per poter maturare il diritto al rimborso, il partecipante doveva raggiungere un minimo di 50 transazioni valide.

All’interno del conteggio non rientravano le micro transazioni multiple e consecutive, che sono state stornate dopo le verifiche di rito. Tenendo presenti i vincoli appena riportati, il rimborso corrispondeva al 10% dell’importo speso.


Leggi anche: Esame avvocato 2021: Ministero della Giustizia verso la doppia prova orale

Cashback ordinario: terminata con agosto la possibilità di presentare reclamo

Stante la situazione appena evidenziata, è importante sottolineare che la possibilità d’inviare un reclamo a Consap per sanare eventuali errori è terminata lo scorso 29 agosto 2021. Il passaggio era utile qualora la lista dei rimborsi non fosse completa. Restano invece ancora in attesa coloro che hanno inviato il proprio reclamo in tempo utile.

Consap si occuperà infatti di gestire le pratiche e di avvisare coloro che hanno inoltrato domanda sull’esito dell’attività di verifica. I tempi medi stimati per la gestione del reclamo risultano di 30 giorni. Questo significa che per la fine del mese di settembre 2021 tutte le pratiche saranno gestite e i rimborsi relativi al cashback ordinario potranno comunque considerarsi conclusi.

Ora l’attenzione dei partecipanti passa alla classifica del supercashback. Il concorso prevedeva infatti un premio da 1500 euro per i primi 100mila utenti che nell’arco dei sei mesi hanno effettuato più transazioni.

Come funziona il supercashback e a che punto sono i pagamenti

Dopo l’esecuzione dei pagamenti relativi al cashback ordinario è arrivato il momento di assolvere al supercashback. Il regolamento prevede che i super premi da 1500 euro siano paganti entro il prossimo 30 novembre 2021. La classifica ufficiale relativa a questa tranche di accrediti risulta chiusa, ma non è ancora stata validata in via ufficiale.


Potrebbe interessarti: ISEE corrente 2021, novità sulle istruzioni: cos’è e come funziona

A pesare ci sono i controlli relativi alle micro transazioni, visto che alcuni utenti hanno effettuato transazioni multiple e di pochi centesimi con il solo fine di scalare le classifiche. Proprio per questo, quella che appare ora come la classifica finale potrebbe subire ancora molte variazioni. E per tanti utenti si profila l’esclusione dal super premio.

Ad oggi (1° settembre 2021) il numero di transazioni minime considerate valide per poter beneficiare del super premio corrisponde a 787. Per capire come evolverà davvero la situazione occorrerà però attendere l’apposita comunicazione da parte di Consap e del Ministero dell’Economia e delle Finanze.

I dati aggiornati sui partecipanti al cashback e supercashback di Stato

In conclusione, il primo semestre del cashback e supercashback di Stato ha visto partecipare quasi nove milioni di italiani. Le transazioni effettuate e correttamente registrate hanno superato il numero record di 822 milioni. In questo processo, le carte di pagamento utilizzate sono state superiori a 16 milioni (tra bancomat, carte di debito e carte di credito). Sono invece 7,9 milioni gli utenti che hanno effettuato transazioni valide.

Tra questi, oltre sei milioni hanno superato abbondantemente il limite delle 50 transazioni previste al fine di ottenere il rimborso da 150 euro. Coloro che sono invece rimasti esclusi per via di un numero di operazioni insufficienti corrispondono a poco meno di 1,8 milioni di partecipanti, ovvero il 22,6% del totale.

Attualmente il secondo semestre di cashback risulta sospeso, ma il concorso potrebbe andare incontro alla cancellazione definitiva. Il governo Draghi ritiene infatti opportuno investire il budget stanziato per il cashback in altri provvedimenti. Ufficialmente il concorso dovrebbe ripartire a gennaio 2022, ma la valutazione tra costi e benefici potrebbe portare a una conclusione effettiva del programma.