Green pass europeo dal 1° luglio sull’App IO e su Immuni: come funziona per viaggiare e come ottenerlo

-
26/05/2021

Il green pass digitale arriva sull’App IO dal prossimo 1/07. Come lo si ottiene e come funziona. Le informazioni da conoscere riguardo il certificato che consente di viaggiare fino in tutta Europa.

Green pass europeo dal 1° luglio sull’App IO e su Immuni: come funziona per viaggiare e come ottenerlo

Il green pass europeo è in dirittura d’arrivo per tutti gli utenti dell’App IO e di Immuni. La ripresa alla normalità dopo la grave pandemia dettata dal coronavirus passa anche per l’innovazione e l’amministrazione pubblica digitale. Nelle scorse ore il ministro Vittorio Colao ha annunciato importanti novità in tal senso. Secondo le ultime dichiarazioni rilasciate dall’esponente del governo, a partire dal prossimo 1° luglio 2021 entrerà in funzione il cosiddetto green pass europeo.

Si tratta di un certificato che permetterà di viaggiare all’interno dei confini europei per un lasso di tempo fino a un anno (in base alla specifica certificazione ottenuta dal cittadino). Attualmente il certificato è disponibile solo in forma cartacea, ma la digitalizzazione rappresenta un passo in avanti importante soprattutto considerando che siamo alle porte della nuova stagione turistica.

Tutto ciò, all’interno di un contesto nel quale la campagna vaccinale comincia a dare i primi frutti e si appresta a rappresentare un importante punto di discontinuità rispetto ai rischi di contagio e alla situazione vissuta nel corso del 2020. Ma vediamo innanzitutto quali sono le ipotesi sul funzionamento del nuovo pass europeo e alla sua effettiva durata.


Leggi anche: Cashback e Super cashback 2021: verso l’accredito del rimborso, info e date su quando arriva

Green pass europeo 2021: le ipotesi su come funziona e sulla sua validità

Tenendo presente il quadro generale della situazione, ecco quali sono gli scenari di funzionamento del nuovo green pass europeo. I cittadini si troveranno di fronte a diverse ipotesi di durata, sulla base della loro situazione specifica. In particolare:

  • il pass avrà una validità di 15 giorni dopo la prima dose, così come risulta già oggi per il pass italiano.
  • La durata sarà inoltre di 48 ore dopo aver eseguito un tampone negativo.
  • Se si possiede un certificato di guarigione da covid-19, la durata di validità corrisponderà a 6 mesi.
  • Infine, in caso di completamento del ciclo vaccinale, il pass europeo potrà durare fino 9 mesi.

Attualmente il green pass è disponibile solo in formato cartaceo, ma a partire dal prossimo 1° luglio 2021 il certificato prenderà forma elettronica. Sarà inoltre reso disponibile in via automatica sull’App IO e sull’App Immuni. Tutti i cittadini che hanno già scaricato una delle due applicazioni potranno quindi usufruire del green pass senza necessità di richiederlo. Il certificato è gratuito. L’unico pagamento da corrispondere è legato all’eventuale tampone.

Cosa cambierà con il green pass europeo: lo stop alle restrizioni

Una volta ottenuto il green pass europeo, i Paesi dell’Unione dovranno necessariamente accettare il certificato. Non sarà quindi possibile porre restrizioni ai viaggi, con l’eccezione di oggettivi motivi di emergenza. Si pensi, ad esempio, all’applicazione di quarantene, auto-isolamenti o tamponi di verifica. Tutto ciò, sulla base dell’accordo raggiunto dalle istituzioni comunitarie per la creazione dell’EU Digital Covid Certificate.


Potrebbe interessarti: Bonus bollette 2021 con sconto automatico: ecco chi potrà ottenerlo e come si accede

Il green pass europeo conterrà al proprio interno un codice QR, associato a un identificativo unico a livello nazionale. Il codice sarà leggibile da un sistema centralizzato e quindi a disposizione di tutti i Paesi dell’UE. Il green pass è necessario anche per i minori, per i quali al momento non è però prevista la vaccinazione in Italia.

La certificazione utile a ottenere il QR Code è rilasciata da una struttura sanitaria, oppure dal professionista sanitario che effettua la vaccinazione. L’eventuale certificato negativo del tampone può essere rilasciato anche dalla farmacia o dal laboratorio privato che ha eseguito il test.