Mutuo o prestito, i nuovi tassi secondo il bollettino ‘Banche e monete’

-
11/07/2020

Mutuo e prestito per avere liquidità, i nuovi tassi di interessi più convenienti per i mutui, meno per i prestiti, il bollettino ufficiale.

Mutuo o prestito, i nuovi tassi secondo il bollettino ‘Banche e monete’

Mutuo o prestito, per chi ha bisogno di liquidità oppure vuole acquistare casa, oggi conviene di più. Paradossalmente in un periodo di crisi sanitaria ed economica il mattone è sempre conveniente. Ma c’è anche un dolente risvolto della medaglia, sono molte le famiglie che anche usufruendo della moratoria stabilita fino al 30 settembre 2020 non riesco a far fronte alle rate. La Banca d’Italia comunica i nuovi dati sui tassi di interesse. 

Maggio i tassi di interesse sui mutui in leggera discesa

Secondo il bollettino emanato dall’agenzia stampa Adnkronos ‘Banche e monete’, evidenza che i tassi di interesse di maggio sui mutui erogati alle famiglie nel mese di maggio per l’acquisto di una casa, incluse le spese accessorie, si sono collocati all’1,67 per cento, una percentuale leggermente inferiore al tasso di aprile con l’1,74 per cento. 

Ti potrebbe interessare anche: Pensione e prestito: come richiederlo anche in età avanzata

Prestiti con tassi in aumento rispetto ai mutui


Leggi anche: IMU 2021, le informazioni su scadenze, aliquote e novità: ecco come si calcola

I prestiti invece, hanno subito una corrente contraria. Nel mese di maggio i tassi di interessi sulle nuove linee di credito al consumo si sono collocati al 7,32 per cento, una percentuale in crescita rispetto al mese di aprile con il 6,61 per cento. 

I tassi sui nuovi prestiti alle società non finanziarie hanno subito un’oscillazione un lieve aumento rispetto a quelli del mese di aprile, posizionandosi all’ 1,21 per centro contro l’1,06 del mese scorso. Per prestiti con importi fino a un milione di euro i tassi si sono mantenuti pari all’1,60 per cento, mentre sui nuovi prestiti i tassi si sono collocati intorno all’0,9 per cento.

Prestito agevolato e legge 104: si può ottenere con l’importo minimo?  

Aumentano i contribuenti che ricorrono agli strumenti finanziarie

Sono aumenti i contribuenti che ricorrono ai prestiti per effettuare acquisti, il bollettino riporta un innalzamento del 7,5 per cento, considerando i dodici mesi, mentre ad aprile questa percentuale era 6,8 per cento.  Registrata anche una diminuzione della raccolta obbligazionaria, circa il 5,0 per cento rapportandola all’anno precedente.