Mutuo: rimborso interessi fino a 7.500 euro per maggiore liquidità, ecco dove

-
05/09/2020

Mutuo e rimborso interessi fino a 7.500 euro a fondo perduto per maggiore liquidità, aiuti alle imprese di medie e piccole dimensioni, ecco dove e come fare domanda.

Mutuo: rimborso interessi fino a 7.500 euro per maggiore liquidità, ecco dove

Con  l’emergenza Covid-19, molte regione sono intervenute con agevolazioni su rate mutuo  prima casa e interessi per agevolare il carico fiscale sulle famiglie. Vi abbiamo parlato del bonus mutuo di 750 euro per il pagamento delle rate stanziato dalla Regione Campania. La domanda si poteva inviare entro il 31 agosto secondo famiglie con particolari requisiti. Adesso a venire incontro alle imprese di piccole e medie dimensioni è la Regione Piemonte.

Mutuo: rimborso interessi fino a 7.500 euro

La Regione Piemonte in aiuto alle imprese di medie e piccole dimensioni che attraversano questa difficile situazione sia economica che sanitaria, ha stanziato 7,3 milioni di euro. 

Possono richiedere l’aiuto economico coloro che risiedono nella regione Piemonte e possono dimostrare un calo del fatturato di circa il 30 per cento rapportato all’anno 2019. 

La Regione Piemonte interverrà con il rimborsare ai soggetti aventi diritto, che ne fanno richiesta, un importo proporzionale agli oneri finanziari pagati per prestiti richiesti dal 17 marzo 2020. 


Leggi anche: Pagamento Imu, calcolo, scadenza e saldo 2020: chi potrà beneficiare della cancellazione per Covid-19

Questi finanziamenti hanno come obiettivo di supportare la manovra governativa e nello stesso tempo abbassare il peso fiscale alle aziende che si trovano in forte difficoltà. L’aggravio di interessi in un momento così difficile pesa come un macigno e con questo intervento la Regione Piemonte ha voluto sollevare in parte questo macigno. 

Contributo a fondo perduto per maggiore liquidità

La richiesta deve essere effettuata direttamente sul sito della Regione Piemonte ed è accessibile dalla metà di settembre. 

Il rimborso degli oneri finanziari pagati per prestiti contratti dal 17 marzo 2020, sono cumulabili con altri sussidi in vigore: locali o statali, a sostegno dell’economia italiana. 

Si tratta di un contributo a fondo perduto. Questa misura è stata concepita per facilitare l’erogazione di un nuovo credito al sistema produttivo. 

L’importo massimo erogato è di 7.500 euro, deve connotarsi come un  nuovo credito connesse alle esigenze di liquidità delle medie e piccole imprese, di importo fino a 150mila euro con una durata massima di sei anni.