Noleggio a lungo termine auto in crescita tra i privati: ecco come funziona e perché piace agli automobilisti

-
23/02/2021

Gli ultimi dati in arrivo sul noleggio a lungo termine del settore auto confermano il trend positivo. La crisi dettata dal Covid-19 non sembra preoccupare chi ricorre a questa formula, mentre le offerte si moltiplicano per adattarsi ai bisogni degli automobilisti.

Noleggio a lungo termine auto in crescita tra i privati: ecco come funziona e perché piace agli automobilisti

Il noleggio a lungo termine dell’auto da parte dei privati conferma la propria natura anticiclica. Ed anzi, risulta in crescita proprio in un periodo nel quale complessivamente il comparto si trova a confrontarsi con il calo delle vendite dettate dal coronavirus e con la crisi economica seguita alla pandemia. D’altra parte, quest’ultima ha dato vita a un profondo cambiamento nella mobilità urbana.

Basti pensare all’impennata nella crescita dello smart working e al fatto che il lavoro agile diventerà con molta probabilità una modalità stabile anche quando avremo finalmente superato le problematiche attuali. In questo frangente, la flessibilità nella gestione della propria autovettura diventa un valore aggiunto per moltissimi automobilisti. Ed è qui che emerge l’utilità dei contratti pay per use, in grado di offrire numerosi vantaggi.

Noleggio a lungo termine senza partita IVA: sono già 65mila gli automobilisti che hanno scelto questa formula

Il settore del renting e del noleggio a lungo termine dell’autovettura fino a poco tempo fa era appannaggio esclusivo dei lavoratori autonomi e delle imprese, dalle più piccole a quelle più strutturate. In questo modo, si potevano ottenere importanti vantaggi fiscali e al contempo una gestione ottimizzata della propria flotta aziendale. Da qualche anno il fenomeno ha però preso piede anche tra i privati.


Leggi anche: Pensioni anticipate, una riforma per uscire da 62, 63 e 64 anni di età

Nel 2021 si contano decine di migliaia di automobilisti che hanno scelto questa modalità pur essendo senza partita iva. I privati intestatari di un contratto di noleggio auto a lungo termine sono circa 65mila. I numeri diventano ovviamente più importanti se si aggiungono le imprese, che portano in dotazione altri 80mila noleggi. Infine, si contano altri 70mila contratti intestati a singole partite iva, nonché 2900 vetture utilizzate con questa formula all’interno della pubblica amministrazione.

Come funziona la formula del noleggio a lungo termine dell’autovettura

Rispetto al quadro appena esposto, in molti si chiedono come funziona il noleggio a lungo termine dell’auto dedicato ai privati. Si tratta di un contratto tra una casa costruttrice o una società di renting e l’utilizzatore finale. L’automobilista si impegna a pagare un canone di locazione che include anche le spese accessorie. Tra queste rientrano, ad esempio, quelle per la manutenzione ordinaria e straordinaria, il soccorso stradale, la tassa di proprietà e le tutele assicurative (dalla RC alla kasco).

Questa modalità di utilizzo dell’auto appare particolarmente interessante per due motivi. Innanzitutto sgrava l’automobilista dagli adempimenti burocratici, assicurativi e fiscali, che vengono assolti direttamente all’interno della rata mensile. In secondo luogo, permette di stimare con precisione la spesa complessiva mensile per la vettura, visto che gli imprevisti saranno comunque a carico della società di noleggio. L’automobilista dovrà quindi occuparsi solo del rifornimento carburante e di conservare il bene con la necessaria cura, nonché di restare all’interno del monte chilometrico annuo stabilito.


Potrebbe interessarti: Super Green Pass: cos’è, come funziona il decreto e come si ottiene

Quanto costa il noleggio a lungo termine di un auto

Dal punto di vista pratico, in molti si domandano se l’operazione sia conveniente. Ovviamente, il costo della rata mensile dipende da numerosi fattori, come il tipo di autovettura che si sceglie di noleggiare e la diversa società alla quale ci si affida. Per chi desidera provare questa formula, la strategia migliore resta quella di effettuare diverse richieste di preventivo.

In linea generale, i canoni partono da circa 150 euro al mese per le utilitarie, ma al crescere della rata si amplia la scelta. Oltre a ciò, spesso le case automobilistiche e le società di renting avviano campagne promozionali periodiche in grado di abbattere ulteriormente il peso della rata.

Le stime di convenienza sul noleggio dell’auto da parte di Aniasa

Sul punto sono emerse nelle ultime ore anche le stime di convenienza effettuate da Aniasa, ovvero l’associazione di Confindustria che rappresenta il comparto. Mediamente, si parla di un risparmio del 15% a parità di percorrenza rispetto all’auto di proprietà. La crisi economica ha costituito un ulteriore volano per lo sviluppo del settore, visti i blocchi alla mobilità e il profondo cambiamento nelle esigenze di viaggio dei privati.

L’auto in molti casi continua a restare indispensabile, ma la flessibilità delle diverse formule di noleggio (che possono prevedere diverse clausole in base agli effettivi chilometri percorsi) emerge con preponderanza in un momento nel quale il telelavoro cresce di importanza e le autovetture restano parcheggiate nel proprio box. Mentre sullo sfondo una ulteriore spinta alla formula del renting e del nolleggio potrebbe arrivare dal nascente mercato dell’auto elettrica.