Edema polmonare: quali possono essere i sintomi, le cause e le eventuali cure

Andiamo a vedere cosa è l’edema polmonare, i suoi sintomi, le cause e quali possono essere le cure.

L’edema polmonare è una patologia grave e va trattata sottoponendo il paziente a cure immediate per evitare conseguenze letali. L’edema polmonare è dato da un’infinita quantità di liquido nei polmoni per cui è causa di difficoltà a respirare. Si possono verificare due condizioni, la prima che si verifichi un processo antinfiammatorio tanto da provocare una lesione che fa fuoriuscire il liquido, l’altra viene a creare un aumento della pressione sanguigna che comporta la fuoriuscita del liquido.

Quali possono essere gli eventuali sintomi e cause dell’edema polmonare?

Respirazione e mancanza di respiro possono essere un sintomo, ma anche l’asma, la tosse, emissione di sangue per via aerea, apnea, tutti questi possono essere sintomi. Poi quando è presente liquido nei polmoni si possono sentire dei sibili o rantoli durante la respirazione. Altri sintomi possono essere il diventare pallidi, il dolore al petto, senso di soffocamento.

Le cause dell’edema polmonare sono varie, si può manifestare attraverso un’alterazione del ventricolo sinistro del cuore come si può presentare sottoforma di insufficienza cardiaca. Altre cause possono essere le malattie coronariche, l’infarto al microcardio, una ischemia, avere la pressione alta, le aritmie, oppure si può presentare come danno alla superficie polmonare che comporta una perdita di liquidi che possono essere acqua, proteine e molecole dei tessuti. Quindi traendo delle conclusioni, i motivi dell’edema polmonare sono molteplici, che siano dirette o indirette, e parliamo di traumi toracici, pancreatite, sepsi, polmonite, embolia polmonare, overdose, pressione sanguigna.

Quali possono essere le eventuali cure per l’edema polmonare?

Le cure variano da caso a caso, la più usata è l’ossigeno terapia che consiste nella ventilazione e nell’ossigenazione con lo scopo di diminuire il quantitativo di liquido in generale. Se parliamo invece di liquido extravascolare, il trattamento da seguire è un altro, si danno i genere diuretici e nitrati.

Rischio infarto: attenzione agli antidolorifici


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp