Edilizia scolastica: firmato il decreto che stanzia 30 milioni di euro

Una manovra importante, quella varata dal Governo, tramite la firma del decreto che stanzia ben 30 milioni di euro per l’edilizia scolastica. Si tratta di fondi che permetteranno alle scuole interventi di miglioramento e rifacimento dell’edilizia.

Edilizia scolastica: in arrivo ben 30 milioni per le scuole. Si tratta di una cifra considerevole che i vari enti locali italiani avranno a disposizione, sulla base del numero di studenti presenti nel territorio. Pubblicata la tabella con la ripartizione suddivisa per Province, Città metropolitane e Comuni.

Edilizia scolastica: la Ministra firma il decreto

La Ministra dell’istruzione Lucia Azzolina ha firmato il decreto che destina ben 30 milioni alle scuole. Si tratta di una cifra stanziata per interventi urgenti in materia di edilizia scolastica, ma anche resasi necessaria in seguito alle ultime vicende drastiche che hanno coinvolto l’Italia. Negli ultimi mesi si sono infatti rese necessarie misure per il contenimento del contagio da Covid-19 anche nelle aule scolastiche.

Solo qualche tempo fa, ad esempio, è stata indetta una gara per il procacciamento di mono-banchi per gli alunni. Lo sblocco ulteriore di questi fondi per l’edilizia scolastica, testimonia tutto l’impegno del Governo per consentire una ripresa in sicurezza delle attività il 14 settembre.

Edilizia scolastica: una manovra importante

In materia, la Ministra Azzolina ha già richiesto 320 milioni nell’ambito della programmazione triennale nazionale per l’edilizia scolastica. Si tratta di una cifra che renderà concreti i lavori in altri 211 istituti scolastici.

I 30 milioni, invece, erano già stati previsti dal decreto Rilancio e avranno il fine di incrementare il Fondo unico per l’edilizia scolastica per l’anno 2020. Ad occuparsi dell’erogazione sarà la Direzione generale per i fondi strutturali per l’istruzione, l’edilizia scolastica e la scuola digitale.

E’ ancora polemica sui banchi singoli:

Qualche ora fa si è riaccesa la polemica sui banchi singoli, dopo che il fornitore aveva ritirato la sua volontà di dotare le scuole di tali dispositivi. Dopo le problematiche in materia di edilizia scolastica, la Ministra Azzolina è dovuta intervenire nuovamente. L’utilizzo del banco singolo corrisponde alla volontà del Comitato Tecnico scientifico per il contenimento del contagio.

Questo, inoltre, rende più semplice al dirigente scolastico organizzare gli spazi secondo i criteri del distanziamento. La ministra lo identifica come un “investimento strutturale” di sostituzione di banchi vecchi quarant’anni.

L’impegno per la ricerca dei mono-banchi testimoniano che “gli studenti non sono trattati come burattini ma sono al centro dell’azione dell’amministrazione e della politica”, dice la Ministra.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Giulia Curiale

Penso che scrivere sia il modo più immediato per far conoscere se stessi agli altri, per poter mettere a nudo le proprie emozioni o i propri pensieri. Scrivere vuol dire comunicare attraverso un canale a sè, unico e, per questo, speciale. Sono Giulia, ho 25 anni e sono laureata in Giurisprudenza. Amo l'healthy food, la vita salutare, lo sport, ma la mia curiosità mi spinge a interessami praticamente ad ogni aspetto più svariato. Scrivo, perchè scrivere è un'esigenza!