Epidemia di influenza, divieto in Chiesa di acqua santa e stretta di mano, ecco dove

Epidemia di influenza, tosse e mal di gola, divieto in Chiesa di acqua santa e stretta di mano. Succede in Germania nell’arcidiocesi di Paderborn.

Epidemia di influenza, starnuti, tosse e mal di gola, l’influenza si espande a vista d’occhio e si corre ai ripari con misure anti-virus. Si pensa a tutto ma quella dell’arcidiocesi di Paderborn è davvero insolita, per evitare il contagio sono state adottate una serie di misure anti-virus, tra queste abolito l’uso dell’acqua santa e la stretta di mano durante la messa.

Queste misure anti virus, sono state ritenute necessarie per evitare l’espandersi del virus dell’influenza. A deciderlo l’arcivescovado di Paderborn. L’acqua benedetta era fonte di infezione e permetteva la rapida diffusione del virus.

La procedura insolita è stata consigliata in diretta e inviata a tutte le parrocchie, inoltre sono state diffuse delle raccomandazione dall’Ufficio federale della sanità (UFSP) di prendere tutte le precauzione possibili. È stato comunicato ai sacerdoti di avvisare i fedeli che hanno sintomi influenzali di restare a casa.

Queste precauzione che sembrano esagerate, sono state attuate dopo che sono aumentate le morti collegate alle infezione da virus respiratorio sinciziale (RSV) in Germania, questo virus colpisce le persone più deboli, i bambini sono quelli più colpiti.

Malattie croniche: ipertensione, artrosi, osteoporosi | Aumentano i casi in Italia

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”