Epidemia di morbillo, la più grande al mondo sta provocando migliaia di morti, il 90% sono bambini

Epidemia di morbillo, la notizia è stata divulgata dall’Unicef, ci sono oltre 200 mila casi colpiti dal virus, casi triplicati in un anno, stiamo parlando della Repubblica Democratica del Congo

Epidemia di morbillo, la notizia è stata divulgata dall’Unicef, ci sono oltre 200 mila casi colpiti dal virus, casi triplicati in un anno, stiamo parlando della Repubblica Democratica del Congo, sono stati superati i 4mila morti a causa del morbillo, una cosa assurda solo a pensarlo, e ancora più assurdo, è che il 90% dei deceduti sono bambini al di sotto dei 5 anni.

L’Unicef sta intervenendo, ma servono più aiuti

L’Unicef sta vaccinando migliaia di bambini contro il virus e sta distribuendo farmaci salvavita nei centri sanitari, l’epidemia in Congo ha causato molti morti di Ebola, parliamo di 2.143 persone.

Da gennaio sono numeri impressionanti di infettati e di morti, e quello che fa ancora più male è che parliamo di bambini sotto i 5 anni, il 90%. Purtroppo i rappresentanti dell’UNICEF stanno facendo il possibile, stanno combattendo l’epidemia del morbillo su due fronti, cercando di prevenire i contagi e di conseguenza le morti.

Con un’intesa con i Governi, si sta cercando di accelerare le vaccinazioni da fare su i bambini contro il morbillo e nello stesso momento sta mettendo in condizione alle cliniche mediche di trattare i sintomi in modo migliore per così migliorare e far aumentare la percentuale di sopravvivenza per tutti quelli che sono stati già colpiti dalla malattia.

In questa settimana è in quella a seguire, saranno distribuiti oltre 1100 kit nelle zone dove il fenomeno del morbillo è più critico, i kit contengono antibiotici e sali per la reidratazione, vitamina A, antidolorifici, antiperetici e ulteriori aiuti per più di 100mila persone contagiate e colpite da questa malattia virale, altamente contagiosa e potenzialmente letale da causare la morte.

Epidemia HIV: appello in Europa, situazione preoccupante


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp